menu

Senza parole

La notizia è di qualche giorno fa, ed è incommentabile. Einaudi ha rifiutato la pubblicazione de “I Quaderni”, un’antologia di scritti del premio Nobel Saramago, perché contengono giudizi negativi su Silvio Berlusconi, presidente del consiglio italiano e proprietario (tra le altre cose) di Mondadori, che, ahimé, controlla la Einaudi.

Alle tracotanti domande del Corriere, Saramago risponde con fermezza.

Ho cono­sciuto la censura durante la dittatura portoghese, l’ho sofferta e combattuta e nes­suno in una situazione di apparente normalità demo­cratica mi potrebbe chiede­re di amputare una mia ope­ra.

Insopportabile è la chiusa dell’articolo di Dino Messina, che rileva che il rifiuto politico a Saramago è solo uno dei tanti, come se questo sminuisse e non aggravasse la faccenda (notare come al solito l’assenza di ogni cura redazionale e di virgolette per i titoli).

Il premio Nobel non sa che altre opere di critica a Berlusconi sono state rifiu­tate da Einaudi, dalle poe­sie politiche postume di Giovanni Raboni al Duca di Mantova di Franco Cordel­li, sino al Corpo del capo di Marco Belpoliti, che l’auto­re ha preferito pubblicare da Guanda.


qualcosa mi dice che lui non ne sarebbe felicissimo…

Che dire? Da Booksblog:

Per dirla con Mario Portanova su L’Espresso:

Certo, nessun editore al mondo manderebbe in libreria testi che parlano male, e così male, del padrone di casa. Nessun editore al mondo, però, ha un padrone di casa così ingombrante.

Il post ti è piaciuto? Leggi anche:

One thought on “Senza parole”

  1. elenaS83 ha detto:

    Come in ogni regime che si rispetti, la cultura è una delle prime e maggiori vittime. E siccome dubito che possano esistere intellettuali che di Silvio Berlusconi parlano (o parleranno) bene, suppongo che il filtro proseguirà a lungo e in larga misura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *