Focus On

Isole e misteri: consigli di lettura!

L’estate è al culmine e molti si preparano spiritualmente per le meritate vacanze. E, come ogni anno, gli amanti della lettura preparano la lista di romanzi, cartacei o in e-book, da portarsi in ferie… Allo stesso tempo, l’estate e i viaggi riaccendono la fascinazione per luoghi suggestivi, esotici e misteriosi: ecco perché i nostri consigli di lettura estivi vertono su romanzi ambientati su isole – più o meno lontane, più o meno misteriose!

Lontane da tutto e da tutti, circondate da mari e oceani, le isole esercitano da sempre un fascino profondo su lettori e scrittori. Scopriamone qualcuna, a latitudini tutte diverse, per lasciarci trasportare nelle loro incredibili storie.
Continua a leggere il post




Io, robot – Un classico al mese

Un robot non può recar danno a un essere umano né può permettere che, a causa del proprio mancato intervento, un essere umano riceva danno.
Un robot deve obbedire agli ordini impartiti dagli esseri umani, purché tali ordini non contravvengano alla Prima Legge.
Un robot deve proteggere la propria esistenza, purché questa autodifesa non contrasti con la Prima o con la Seconda Legge.

Chi non ha mai sentito parlare delle Tre Leggi della Robotica di Isaac Asimov? Nelle sue opere, i robot positronici accompagnano l’umanità come servitori, obbligati a rispettare le Tre Leggi. Questo assunto di base è lo spunto per analizzare tutti i problemi pratici e morali che ruotano attorno alla questione, e di cui l’antologia “Io, robot” è la perfetta summa.


Continua a leggere il post




La nostra collana di racconti “Futuro Presente”: qualche numero

Con l’uscita del racconto “Liberi tutti!” di Irene Drago, abbiamo concluso la prima stagione della nostra fortunata collana Futuro Presente. Abbiamo poi pubblicato il bando per la seconda stagione di Futuro Presente, dove chiariamo i requisiti che cerchiamo per i racconti.

 

Continua a leggere il post




Futuro Presente SECONDA STAGIONE – Bando e regolamento

Con il racconto distopico “Liberi tutti” di Irene Drago si è idealmente conclusa la “prima stagione” di Futuro Presente, la collana di fantascienza sociale targata Delos Digital.

I racconti lunghi e romanzi brevi pubblicati finora hanno affrontato gli argomenti più disparati, tutti in qualche modo legati a temi sociali e attualità: scuola, precariato, inquinamento, greenwashing, droni, immigrazione, integrazione, discriminazione sessuale.

L’obiettivo di questa cesura tra una stagione e l’altra è, tra le altre cose, raccogliere nuovo materiale da leggere e selezionare per la seconda stagione, che ripartirà a ottobre 2018 (e lo farà col botto: il primo racconto in calendario sarà una bella sorpresa!).

Continua a leggere il post




Madame Bovary – Un classico al mese

Nel paesino di Ry, nel nord della Francia, c’è una tomba molto particolare: quella di Delphine Delamare, moglie del medico Eugene Delamare, morta suicida a causa dei forti debiti contratti. Era il 1848, Delphine aveva cercato di sfuggire alla noia della provincia e della vita matrimoniale attraverso giovani amanti e spese folli; quando ogni cosa le si ritorse contro, la donna – al tempo appena ventiseienne – si tolse la vita ingerendo del veleno.

Pare sia proprio questo fatto di cronaca che ispirò Gustave Flaubert e che sarebbe stato la base del suo romanzo più celebre: “Madame Bovary”. Il testo, scritto a mano e poi accorciato e sezionato dagli editor con cui collaborò, venne pubblicato a puntate sulla Revue de Paris, nell’autunno del 1856. Emma Bovary, protagonista del romanzo, è la giovane sposa di un medico, rimasto vedovo prematuramente; incapace di sopportare la vita di provincia e la noia del matrimonio, Emma intreccia relazioni extra-coniugali e spende soldi senza alcun criterio, fino a ritrovarsi sommersa dai debiti: a questo punto, non le resta che compiere una scelta estrema.
Continua a leggere il post




Libri sui mondiali di calcio: consigli di lettura!

Quest’anno la parabola dell’Italia ai Mondiali di calcio è stata decisamente discendente (era dal 1958 che la nostra nazionale non si classificava!), ma in tanti stanno comunque seguendo con passione la FIFA World Cup disputata tra gli stadi della Russia. E se qualcuno avesse voglia di approfondire l’argomento? Di pubblicazioni sul tema ce ne sono a bizzeffe: ecco cinque consigli di lettura, selezione per voi chez Studio83!


Continua a leggere il post




The Terror – Dal libro alla tv

Dan Simmons, scrittore noto soprattutto per i suoi apprezzatissimi romanzi di fantascienza (in particolare la saga di Hyperion), ha più volte frequentato i generi narrativi più disparati. Nel 2007 uscì il suo romanzo “The Terror”, pubblicato in Italia da Mondadori con il titolo “La scomparsa dell’Erebus” (nella nuova edizione fresca di stampa è stato lasciato il titolo originale).

L’opera si basa su eventi storici reali: nel 1845 l’Erebus e la Terror, due navi della Marina Britannica, salparono alla volta del “passaggio a Nord-Ovest”, rotta artica allora in esplorazione. L’obiettivo era tracciare definitivamente la rotta che avrebbe permesso alle spedizioni successive di passare con facilità dall’Atlantico al Pacifico attraverso i ghiacci del Polo Nord. Come molti sanno, la spedizione non ebbe successo e le due navi scomparvero nel nulla, lasciando ovviamente una scia di domande su cosa fosse accaduto all’equipaggio.


Continua a leggere il post




La capanna dello zio Tom – Un classico al mese

Si narra che, quando Abraham Lincoln incontrò di persona Harriet Beecher Stowe, autrice de “La capanna dello zio Tom”, le abbia detto bonariamente: “Quindi è lei la piccola donna che ha provocato questa grande guerra!” Lincoln si riferiva all’impatto che il masterpiece di Beecher Stowe, “Uncle Tom’s cabin”, aveva avuto sui lettori, ravvivando la causa abolizionista e portando tanti lettori ad abbracciarla o, comunque, a vederla con altri occhi.

Harriet crebbe in un ambiente fortemente religioso, figlia di un pastore congregazionista che, assieme alla cognata della scrittrice e a quest’ultima, sosteneva le ragioni del movimento anti-schiavista. Nel 1850 Harriet scrisse “La capanna dello zio Tom”: circa due anni dopo lo avrebbe pubblicato a puntate sulla rivista National Era. Tra gli elementi che l’avevano ispirata c’era la promulgazione della Fugitive Slave Law, che proibiva di aiutare gli schiavi in fuga e rendeva obbligatorio denunciarli, perché fossero restituiti ai proprietari.
Continua a leggere il post




Accadde oggi… 18 maggio!

Oggi è il 18 maggio… cos’ha di speciale questa data? Nulla, o meglio: è speciale come qualunque altra data! Dando un’occhiata all’almanacco del giorno, infatti, possiamo scoprire tanti eventi e dettagli interessanti, che ci riconducono alla nostra passione principale… ovvero i libri!


Continua a leggere il post




Appunti di editing: riepiloghiamo!

Come abbiamo ripetuto spesso, gli Appunti di Editing sono la nostra rubrica più apprezzata: si tratta di articoli e vademecum che affrontano di volta in volta problematiche relative alla scrittura, o approfondiscono tecniche narrative o, ancora, strategie per la promozione. Se negli ultimi mesi ne avete perso qualcuno, ecco un riepilogo degli argomenti che abbiamo trattato!


Continua a leggere il post