Esordiamo!

“Vissi d’ignoto amor” di Luigi Guidi – Recensione

In questo periodo abbiamo più volte parlato di self-publishing, di pubblicazione indipendente e dell’ampio universo che ruota attorno a questo percorso editoriale. Oggi recensiamo il romanzo d’esordio di un autore self, con cui abbiamo già lavorato diverse volte, e che abbiamo molto apprezzato per la qualità della scrittura. Si tratta di Luigi Guidi, originario di Montefalco, che con “Vissi d’ignoto amor” ha raccontato una storia di amore e formazione ambientata nell’Umbria degli anni Sessanta.

 

Angelo ha diciotto anni e deve fare i conti con una forte timidezza che limita i suoi rapporti interpersonali. In particolare si strugge d’amore per Elisa, sorella di un amico, alla quale non è in grado di rivolgere la parola, tantomeno di confessare i propri sentimenti. Un giorno, la casa accanto alla sua viene occupata da Rosanna, ventiduenne in fuga da una situazione sentimentale e familiare complicata…

CONTINUA A LEGGERE LA RECENSIONE




Nuova recensione: “Gioia – carezze e frustate sull’anima”

Abbiamo letto e recensito una nuova opera d’esordio, da titolo “Gioia – carezze e frustate sull’anima”. L’autrice, Daniela Pirisi, è alla sua prima esperienza con la narrativa: come ha scritto nella sua biografia in quarta di copertina, “è la prima volta che sente prepotente il desiderio di condividere con i lettori le emozioni e i sorrisi che questa storia le ha regalato”.

Il romanzo racconta la storia di Gioia, bambina che soffre per il tradimento del padre e affida alla madre, agli zii e alla fede religiosa il suo futuro. Altrettanto accade con Marta ed Enrico, i suoi migliori amici, che la accompagnano nella crescita e nelle nuove sfide da affrontare…

Continua a leggere: recensione di “Gioia” di Daniela Pirisi




Nella tela del tempo

Online la recensione a “Nella tela del tempo”, per la nostra rubrica dedicata alle recensioni di opere prime “Esordiamo!”.

Il romanzo in questione è un esordio con diverse particolarità: è scritto a quattro mani da due autrici, che hanno scelto la via dell’autopubblicazione.

Alla giovane Melita, fotografa per una rivista a Los Angeles, viene assegnata una trasferta molto particolare: tornare nella sua isola natale, Malta, per partecipare a un corso organizzato da sua nonna in un antico mulino appartenente alla sua famiglia. Nonostante non torni a casa da anni, Melita accetta l’incarico e si ritrova coinvolta in un intrico di vicende…

Leggi la Recensione: “Nella tela del tempo”

Il romanzo è stato fatto uscire su Narcissus.me, piattaforma di self publishing tutta italiana di cui abbiamo già parlato, che è davvero molto attiva dal punto di vista della ricerca, della sperimentazione, del dibattito e del supporto agli autori che scelgono questa strada. Vi invitiamo quindi a dare un’occhiata al portale e ai tanti forum/blog che ne fanno parte, se cercate uno sbocco espressivo sarà un giro che varrà sicuramente il tempo speso.

Nel cercare una pubblicazione indipendente, però, non dimenticate che oltre alla pubblicazione tu cur il testo DEVE avere delle caratteristiche di pulizia e professionalità che vanno per forza di cose affidate a editor profesisonisti, come noi di Studio83. L’autore o l’autrice infatti non può fare l’editor di se stesso e anche come “semplice” redattore (semplice per modo di dire!) non ha gioco facile. Parliamo di indie publishing, il passo successivo dell’autopubblicazione, che consente ai testi autoprodotti di raggiungere livelli di qualità e bellezza pari, se non migliori, di quelli che arrivano in libreria tramite i canali tradizionali.

Date quindi uno sguardo ai nostri servizi letterari dedicati agli autori, ce n’è per ogni esigenza. E se avete dubbi, basta scorrere le reviews dei nostri autori. Se invece avete già pubblicato la vostra opera prima, è il momento di confrontarsi con la critica: partecipate a “Esordiamo!” e la prossima recensione sarà la vostra.

Qui il regolamento!




La ragazza di Venezia

Nuova recensione per Esordiamo!

La ragazza di Venezia […] affronta il triste tema della crisi economica, del precariato, di una generazione che vive tra debiti, incertezze e lavoro sottopagato in cambio di un tozzo di pane.

LEGGI LA RECENSIONE




Nuova recensione: “Domani è perfetto”

Anno nuovo, nuova recensione: per la rubrica “Esordiamo!” abbiamo letto e recensito il romanzo “Domani è perfetto” di Francesco Salvo. Si tratta di un romanzo autopubblicato, devo dire uno dei migliori che ho letto finora: salvo alcuni nei che ho evidenziato nella recensione, l’ho trovato molto ben fatto e credibile.

Leggi la recensione di “Domani è perfetto”

PS Piccolo update: la recensione della volta scorsa, quella de “La scampagnata” di Andrea Campucci, è ora sul sito.




Recensione: “Una nuova vita” di Milos Fabbri

A oggi, ho recensito parecchi libri pubblicati dalla casa editrice Arduino Sacco e ho sempre notato le stesse, terribili mancanze. Editing, correzione bozze, impaginazione… tutto. In sostanza, l’unico ad aver lavorato è l’autore.

Ma sappiamo bene che un manoscritto non è sufficiente a fare un libro. Intorno al manoscritto c’è un lavoro di squadra, un team di professionisti che confezionano un romanzo vero e proprio (o, in questo caso, un’antologia di racconti), che poi il tipografo andrà a stampare. Il lavoro di squadra qui purtroppo manca: c’è solo quello dello scrittore, abbandonato a se stesso nella sua pubblicazione.

Nella recensione ho sottolineato quelli che ritengo i pregi dell’opera, relativi soprattutto alle idee e alle intenzioni dell’autore: a quest’ultimo va un plauso, perché, pur avendo la facoltà di tenere la recensione per sé, ha scelto di farcela pubblicare sul sito. L’obiettivo delle recensioni è – tra le tante altre cose – anche rendere chiaro agli autori come lavorano gli editori, così da decidere con più consapevolezza a chi affidarsi nel percorso di pubblicazione.

A Milos Fabbri, pertanto, vanno i nostri complimenti: sia perché ci ha messo la faccia, sia perché lo abbiamo visto al lavoro e possiamo garantirvi che impara in fretta. Il suo prossimo libro, ne sono certa, sarà ottimo! 🙂

Leggi la recensione: “Una nuova vita” di Milos Fabbri




Dal diario di una piccola comunista

Abbiamo letto e recensito “Dal diario di una piccola comunista” esordio di Michaela Sebokova, che possiamo definire affettusamente “autrice di Studio83”: sì perché la sua prima apparizione su carta risale a Venti Nodi Zero e il suo romanzo di esordio, pubblicato da Besa, è anche frutto di un intenso lavoro fatto insieme.

Michaela ha infatti scelto per il suo romanzo ancora manoscritto la Valutazione Basic, che la ha dato una scheda di tips e consigli (tra i quali quello d mandare il testo a Besa dopo la revisione!) e di Editing Seconda Lingua, un intervento che ha reso il suo italiano non madrelingua a prova di lettore professionale, pur mantenendone le preziose particolarità specifiche.

Stavolta, forse, la recensione mancherà un po’ di obiettività, dato che siamo felici di questo primo successo di Michaela Sebokova per averla vista nascere come scrittrice. Quindi a beneficio dei lettori optiamo per la trasparenza, scoprendo le carte e dichiarandoci solo un pochino più di parte del solito.

“Dal diario di una piccola comunista” è il romanzo di esordio di Michaela Sebokova, autrice di nazionalità e nascita slovacca, che ha scelto di usare direttamente l’italiano per rievocare la propria adolescenza passata nella ex Cecoslovacchia sotto la dittatura comunista.

Leggi la recensione: “Dal diario di una piccola comunista




Recensioni Review: “Esordiamo!”

Buongiorno a tutti! Oggi vorrei porre l’attenzione su una delle sezioni più importanti del nostro sito, quella delle recensioni. Dal 2007, infatti, ne abbiamo pubblicate moltissime, spesso su richiesta degli autori.

In particolare, fin dall’inizio ci siamo distinti per lo spazio che abbiamo dato alle opere prime attraverso la nostra rubrica “Esordiamo!”. Quest’ultima ha riscosso un grande successo e il risultato sono le molte recensioni che potete trovare nella pagina a loro dedicata.

La copertina di uno dei romanzi d’esordio recensiti negli ultimi mesi

A questo proposito, oltre a linkare la suddetta pagina, vorrei anticipare che il regolamento di “Esordiamo!” subirà a breve alcune modifiche radicali, per rendere l’iniziativa più compatibile con la vocazione associativa di Studio83. Nel frattempo, buona lettura! 🙂




Il sogno diventa reality

Tempo fa ho ricevuto un libro da recensire nell’ambito della rubrica “Esordiamo!“. Si tratta di un’opera atipica rispetto a quelle che abbiamo letto finora, un’autobiografia scritta da uno dei concorrenti del reality show “La pupa e il secchione”.

L’autore, Roberto Cavazzoni, ha deciso di mettere su carta la sua esperienza e pubblicarla; l’idea di recensirlo mi incuriosiva molto, perché poteva essere uno spunto per parlare di un genere particolare, quello autobiografico.

Come leggerete nella recensione, il libro presenta alcuni difetti tipici sia del racconto autobiografico, sia più generali (e, come accade spesso, imputabili all’editore più che all’autore); ma anche alcuni spunti interessanti che ho voluto sottolineare.

 Un ragazzo introverso, brillante perito elettronico che ha dedicato la vita a invenzioni e brevetti, decide di mettersi in gioco partecipando al reality show “La pupa e il secchione”. Successivamente, decide di condividere l’esperienza raccontandola in un libro autobiografico. Il risultato è “Il sogno diventa reality”, a tutti gli effetti opera d’esordio di Cavazzoni come scrittore.

Continua a leggere la recensione: Il sogno diventa reality




Gigi il bastardo (& le sue 5 morti)

Finalmente è online la recensione di “Gigi il bastardo (& le sue 5 morti)”, romanzo di esordio di Pee Gee Daniel ed edito (se così possiamo dire) da Montag.

Ci scusiamo innanzitutto con l’autore per la lunga attesa, dovuta agli intensi lavori di aggiornamento e ristrutturazione del sito che hanno rallentato il nostro calendario. La recensione l’ho scritta a settembre, ma è slittata insieme ad alcune altre di un paio di mesi.

Proprio per evitare che ci siano altre lunghe attese, stiamo lavorando a importanti modifiche all’iniziativa “Esordiamo! che vogliamo rendere ancora più rispondente alle esigenze e alle aspettative degli autori.

Tornando alla recensione in questione, è purtoppo una stroncatura. Il mio parere sul testo è molto negativo. Non mi fa mai piacere trovarmi a sconsigliare fortemente una lettura: in questo caso credo che sia un atto dovuto non solo nei confronti dei lettori, ma anche dell’autore stesso, che spero possa trovare spunti di riflessione per ripartire da qui in modo più sicuro, efficace, positivo, proficuo per se stesso e per il suo stile letterario. In questo, purtroppo, il suo editore non lo ha aiutato affatto.

More about Gigi il bastardo (and le sue 5 morti)

Questo “Gigi il bastardo (& le sue cinque morti)” non è un romanzo, ma l’ennesima cronaca di un disastro annunciato; e realizzato da un autore che ha buone potenzialità, ma un’acerba consapevolezza, e da un editore che dimostra clamorosamente di non voler raggiungere un lettore che sia uno, perché realizza il suo guadagno grazie all’autore stesso che paga la stampa.

Leggi la recensione: Gigi il bastardo (& le sue 5 morti)