scrivere

Come autopubblicarsi con successo? Riadatta e modifica!

articoli sui libri e la scrittura - studio83

La via dell’autopubblicazione è lastricata di buone idee per il fai da te.

Possiamo essere editori di noi stessi. E non solo: dobbiamo anche diventare editor, correttori, articolisti, grafici e impaginatori di noi stessi. Non sempre i risultati sono all’altezza delle aspettative, è vero, e come molti dei nostri lettori sanno, noi di Studio83 sosteniamo da sempre che la pubblicazione indipendente deve essere anche professionale, per avere le migliori chances di emergere.

Possiamo comunque imparare molto da chi ha fatto ciò che vorremmo fare noi, e ha avuto successo!

Proprio per questo, nel nostro blog ospitiamo spesso post e consigli di pubblicazione da autori e autrici degli States, la patria del self publishing e il mercato più grande del mondo di ebook auto pubblicati.

Continua a leggere il post




Leggi! – Ipse dixit

“Leggi, leggi, leggi. Leggi tutto – spazzatura, classici, libri buoni e cattivi, e vedi come funzionano. Come un carpentiere che lavora come apprendista e studia il maestro. Leggi! Assorbirai tutto. A quel punto scrivi. Se lo fai bene, te ne accorgerai.”

(William Faulkner)

 




I consigli di scrittura di Massimiliano Giri

Classe 1977, Massimiliano Giri è un autore che si sta affermando ed è sicuramente da tenere d’occhio.

articoli sui libri e la scrittura - studio83

Formatosi alla scuola di editing di Franco Forte, ha vinto numerosi riconoscimenti nel mondo della scrittura di genere: DUE volte vincitore del GialloLatino Mondadori (nel 2015 e 2016), si è aggiudicato ottimi piazzamenti e menzioni per il Trofeo RiLL, il Premio John W. Polidori, il Premio Hannibal Lecter, il Premio Writers Magazine Italia, il Premio Algernon Blackwood.

Pubblicato in diverse collane e riviste da Delos a Mondadori, gli abbiamo chiesto di darci tre consigli di scrittura, per scrivere bene e sempre meglio. Ecco cosa ci ha risposto!

Un saluto a tutti gli appassionati di scrittura!
Ringrazio Giulia Abbate e tutto il team di Studio83 per avermi concesso questo spazio. Spero di dare qualche valido consiglio agli scrittori in erba.

Ecco i miei tre suggerimenti:

Continua a leggere il post




Il duro lavoro della scrittura – Ipse Dixit

Non scoraggiatevi perché la scrittura comporta un sacco di lavoro meccanico. Va fatto, e non c’è via d’uscita. Ho riscritto “Addio alle armi” almeno cinquanta volte. Dovete continuare a lavorarci su. La prima bozza di qualunque cosa è una porcheria. Quando si inizia a scrivere il divertimento è tutto per se stessi e mai per il lettore, ma una volta imparato il mestiere il vostro obiettivo sarà convogliare tutto verso chi legge, così ricorderà la storia non come qualcosa che ha letto, ma qualcosa che gli è accaduto davvero. È quello il vero test della scrittura.

(Ernest Hemingway)

 




Come scegliere un titolo per un romanzo o un racconto – Appunti di editing

Se scrivere un’opera può essere complesso, c’è un’operazione apparentemente semplice che si rivela spesso la più difficile di tutte: scegliere un titolo per un romanzo o un racconto. Sull’argomento esistono decine di metodi e teorie, che si basano su diversi approcci e finalità. La stessa storia della letteratura ci insegna che romanzi celebri sono stati “partoriti” con un titolo che poi è stato cambiato, quasi sempre su suggerimento di editor ed editori – e quasi sempre a ragion veduta.

A scuola abbiamo tutti studiato le diverse edizioni de “I promessi sposi”, e il percorso che portò Manzoni non solo alla versione finale del romanzo, ma anche al titolo col quale è diventato un classico e che differiva dalla sua prima proposta. In un simpatico e interessante articolo, Il Post raccoglie i titoli inizialmente pensati per romanzi internazionalmente noti, con tanto di copertine “ritoccate” per vedere che effetto avrebbe fatto, per esempio, “Trimalcione nel West-Egg” al posto de “Il grande Gatsby”, o “Morto non morto” al posto di “Dracula”.

Probabilmente “Romanzo criminale” non avrebbe avuto lo stesso successo col vecchio titolo… (Foto di: Il Post)

Continua a leggere il post




Promozione di Natale: il tuo libro!

Natale è un momento d’oro per il libro: per pubblicarlo, pubblicizzarlo, venderlo… perché no, anche per regalarlo.

Quindi abbiamo pensato a un mese di promozione speciale sui nostri servizi in tema: così potrai avere un tuo titolo pronto per i tuoi lettori vicini e lontani.

head-nl-nov2016

Regala il tuo libro: una raccolta di poesie o racconti, per accompagnare i regali di Natale con una strenna unica.
Regalati il tuo libro: noi lo trasformiamo in un ebook e lo carichiamo noi su Amazon, così potrai venderlo per Natale!

Ecco i servizi in promozione:

gift-ebookEbook
epub o mobi, pronto per la diffusione e la vendita a soli €49.90.
Leggi i dettagli dell’offerta

gift-selfpubSelf Publishing
ebook più caricamento online per la pubblicazione a soli €69.90
Leggi i dettagli dell’offerta

gift-bookStrenna
un libricino stampato, da regalare come pensiero di Natale a soli €69.90
Leggi i dettagli dell’offerta

L’offerta ha una durata limitata: leggi i dettagli.
Se vuoi ricevere promozioni come questa in anticipo prima che escano sul blog, iscriviti alla newsletter di Studio83.

promo-natale2016

Quest’anno fatti un regalo speciale. Carta e forbici le usiamo noi! 🙂




I consigli di scrittura di Darien Levani

Darien Levani è un autore attivo ed eclettico: scrittore di romanzi e racconti, giurista, giornalista, scrittore, cofondatore del portale Albania News. Sì, perché Darien è di nazionalità albanese e l’italiano non è la sua lingua madre: fa quindi parte di quel gruppo di autori “italiano seconda lingua”, di cui abbiamo già parlato in molte occasioni, che usano trasformano arricchiscono l’italiano nelle loro narrazioni di arrivo.
[Leggi anche:  Anilda Ibrahimi – Scrittori italiani di oggi  –  e loghettoVenti Nodi Zero: i “nostri” autori crescono ]

Darien Levani scrive sia in italiano che in albanese e ha ricevuto diversi premi e riconoscimenti per la sua instancabile attività di promotore culturale. Qui potete leggere un’intervista a Darien Levani relativa al suo ultimo romanzo noir “Toringrad” e a proposito del genere giallo, della funzione della scrittura, del ruolo del giornalista. Da non perdere!

Come fai a riconoscere la felicità mentre la stai vivendo? e sussurrare a te stesso: ora fermati, sei felice. Cristallizza questa frazione e osservati meglio: hai parte di quello che volevi, sei in un posto caldo, e sparsi per questa città ci sono degli amici che farebbero tutto per te. Rifletti su questo momento, cerca di fissarlo nella tua memoria per sfogliarlo più tardi come si sfogliano delle fotografie in cerca di conforto. Non lo sai. Lo capisci dopo, solo dopo.
[Da “Toringrad”]

 

Abbiamo chiesto a Darien di darci i suoi personali consigli di scrittura.

Continua a leggere il post




Il lavoro di documentazione – Appunti di editing

Si è soliti pensare che il lavoro di documentazione, quando si parla di narrativa e scrittura creativa, riguardi soltanto le opere storiche. In effetti i romanzi e i racconti storici richiedono una mole di lavoro non indifferente, come la lettura di testi e documenti, necessaria anche solo a mettere giù una scaletta. Ma la documentazione è una necessità costante anche per tutti gli altri, di qualunque genere sia la nostra opera. Un racconto su una storia d’amore in provincia può richiedere l’approfondimento di una vasta gamma di materie e temi, che possono variare a seconda delle situazioni in cui si trovano i personaggi.

…la libreria domestica che tutti vorremmo!

Continua a leggere il post




Costruire personaggi credibili – Appunti di editing

Trama e intreccio sono strettamente legati ai loro attori principali, pilastri di un racconto/romanzo: i personaggi. Che siano inventati o realmente esistiti, si tratta in ogni caso di strumenti asserviti alla nostra storia, funzionali agli eventi narrati. Nel caso dei personaggi immaginari è tutto più semplice, perché partiamo da zero e possiamo inventarli nel modo che ci è più utile. Più rischioso è trasformare in personaggio qualcuno realmente esistito: occorre infatti sganciarlo dalla realtà e trasporlo in un’opera letteraria, ricordando che ciò che funziona nel mondo reale non necessariamente funziona nella fiction.

...e viceversa!

…e viceversa!

Creare un personaggio immaginario

Iniziamo da questa fattispecie del personaggio, la più semplice e anche la più largamente utilizzata. C’è chi inizia a creare una storia a partire dai personaggi e chi abbozza una trama e poi ragiona sugli attori che la porteranno avanti. Quale che sia il percorso, ciò che conta è che i personaggi rispondano a una serie di caratteristiche.

Continua a leggere il post




Leggere e scrivere fantascienza

Da qualche tempo, ho l’onore di curare una nuova rubrica mensile sul blog La Bottega del Barbieri, punto di riferimento dei fantascientisti italiani e non solo, dato che ospita post e approfondimenti su temi i più vari.

tag-fantascienza

Quando Daniele Barbieri mi ha chiesto di scrivere qualcosa per il suo blog, mi sono chiesta quale contributo potessi dare. Insomma, io stessa quando cerco notizie o voglio capire qualcosa in più su un libro o su un autore di fantascienza… vado a cercare lì! Cosa avrei potuto aggiungere?

Continua a leggere il post