scrivere

Quinta regola del successo per scrittori: studia!

Dopo qualche tempo, torniamo a parlare delle regole del successo per scrittori: quella breve serie di consigli pratici e di attitudini positive che ci aiutano a scrivere meglio, a pubblicare bene e a essere felici del percorso che facciamo!

Continua a leggere il post




Quando la scrittura si ferma…

Oggi è un gran giorno: questo è il MILLESIMO post del blog di Studio83!

🙂

Lo festeggiamo proponendovi questo breve video, che speriamo vi diverta e vi ispiri. Perché ci sono tanti modi per superare il blocco dello scrittore… è c’è Studio83!

Quando la scrittura si ferma e andare avanti è difficile… arriva Studio83!
Un aiuto professionale, un aiuto VERO: editing, valutazione, correzione, ebook, selfpub, ricerca editore…
Metti il TURBO alla tua scrittura con STUDIO83!

Scopri i nostri servizi letterari... e trova una strada che fa per te e per la tua opera!

 




Come preparare il tuo manoscritto per l’editing

Quando finalmente concludi il tuo manoscritto, sei a un punto di arrivo e allo stesso tempo a un punto di partenza.

gift-selfpub

Hai finito il tuo testo e quindi arrivi al traguardo del lungo lavoro di ideazione, pianificazione scrittura. Complimenti!

Allo stesso tempo, sei all’inizio della strada che dovrà portare il tuo testo alla pubblicazione, sia che tu voglia pubbilcarlo in self publishing, sia che tu voglia cercare un editore.

Dopo la festa e qualche tempo di  meritato riposo, arriva quindi il momento in cui devi rimboccarti le maniche e farti la fatidica domanda: e adesso?

Continua a leggere il post




Scrivere un buon incipit – Appunti di editing

Oggi parliamo di un elemento molto importante in un libro, che spesso determina l’esito di un acquisto o di una selezione: l’incipit. In narrativa e critica letteraria, con la parola “incipit” si definisce l'”attacco” di un romanzo, le primissime righe, che hanno lo scopo immediato di introdurre l’opera attraverso una vasta gamma di scelte narrative. Oggi vedremo perché è importante scrivere un buon incipit e quali sono gli incipit più famosi e ben riusciti.

L’incipit non è soltanto l’avvio di un romanzo, ma è il primo contatto tra il lettore e l’opera.

Continua a leggere il post




Le cose difficili da dire – Ipse Dixit

Le cose più importanti sono le più difficili da dire. Sono quelle di cui vi vergognate, perché le parole le sminuiscono; le parole restringono cose che sembravano prive di limiti, quando erano nella vostra testa, a una dimensione appena percettibile una volta tirate fuori. Ma c’è di più, giusto? Ciò che conta si trova dove è sepolto il vostro cuore segreto, un po’ come gli indizi per trovare un tesoro che i vostri nemici cercano di sottrarvi. E potreste rivelare cose che vi costano tantissimo ottenendo solo di avere gente che vi guarda divertita, senza capire cosa davvero avete detto, o perché quel concetto era così importante che avete quasi pianto mentre lo esprimevate. È la cosa peggiore, secondo me. Quando un segreto resta rinchiuso non per volere di chi racconta, ma perché c’è un orecchio che non riesce ad ascoltarlo.

(Stephen King)




Come autopubblicarsi con successo? Riadatta e modifica!

articoli sui libri e la scrittura - studio83

La via dell’autopubblicazione è lastricata di buone idee per il fai da te.

Possiamo essere editori di noi stessi. E non solo: dobbiamo anche diventare editor, correttori, articolisti, grafici e impaginatori di noi stessi. Non sempre i risultati sono all’altezza delle aspettative, è vero, e come molti dei nostri lettori sanno, noi di Studio83 sosteniamo da sempre che la pubblicazione indipendente deve essere anche professionale, per avere le migliori chances di emergere.

Possiamo comunque imparare molto da chi ha fatto ciò che vorremmo fare noi, e ha avuto successo!

Proprio per questo, nel nostro blog ospitiamo spesso post e consigli di pubblicazione da autori e autrici degli States, la patria del self publishing e il mercato più grande del mondo di ebook auto pubblicati.

Continua a leggere il post




Leggi! – Ipse dixit

“Leggi, leggi, leggi. Leggi tutto – spazzatura, classici, libri buoni e cattivi, e vedi come funzionano. Come un carpentiere che lavora come apprendista e studia il maestro. Leggi! Assorbirai tutto. A quel punto scrivi. Se lo fai bene, te ne accorgerai.”

(William Faulkner)

 




I consigli di scrittura di Massimiliano Giri

Classe 1977, Massimiliano Giri è un autore che si sta affermando ed è sicuramente da tenere d’occhio.

articoli sui libri e la scrittura - studio83

Formatosi alla scuola di editing di Franco Forte, ha vinto numerosi riconoscimenti nel mondo della scrittura di genere: DUE volte vincitore del GialloLatino Mondadori (nel 2015 e 2016), si è aggiudicato ottimi piazzamenti e menzioni per il Trofeo RiLL, il Premio John W. Polidori, il Premio Hannibal Lecter, il Premio Writers Magazine Italia, il Premio Algernon Blackwood.

Pubblicato in diverse collane e riviste da Delos a Mondadori, gli abbiamo chiesto di darci tre consigli di scrittura, per scrivere bene e sempre meglio. Ecco cosa ci ha risposto!

Un saluto a tutti gli appassionati di scrittura!
Ringrazio Giulia Abbate e tutto il team di Studio83 per avermi concesso questo spazio. Spero di dare qualche valido consiglio agli scrittori in erba.

Ecco i miei tre suggerimenti:

Continua a leggere il post




Il duro lavoro della scrittura – Ipse Dixit

Non scoraggiatevi perché la scrittura comporta un sacco di lavoro meccanico. Va fatto, e non c’è via d’uscita. Ho riscritto “Addio alle armi” almeno cinquanta volte. Dovete continuare a lavorarci su. La prima bozza di qualunque cosa è una porcheria. Quando si inizia a scrivere il divertimento è tutto per se stessi e mai per il lettore, ma una volta imparato il mestiere il vostro obiettivo sarà convogliare tutto verso chi legge, così ricorderà la storia non come qualcosa che ha letto, ma qualcosa che gli è accaduto davvero. È quello il vero test della scrittura.

(Ernest Hemingway)

 




Come scegliere un titolo per un romanzo o un racconto – Appunti di editing

Se scrivere un’opera può essere complesso, c’è un’operazione apparentemente semplice che si rivela spesso la più difficile di tutte: scegliere un titolo per un romanzo o un racconto. Sull’argomento esistono decine di metodi e teorie, che si basano su diversi approcci e finalità. La stessa storia della letteratura ci insegna che romanzi celebri sono stati “partoriti” con un titolo che poi è stato cambiato, quasi sempre su suggerimento di editor ed editori – e quasi sempre a ragion veduta.

A scuola abbiamo tutti studiato le diverse edizioni de “I promessi sposi”, e il percorso che portò Manzoni non solo alla versione finale del romanzo, ma anche al titolo col quale è diventato un classico e che differiva dalla sua prima proposta. In un simpatico e interessante articolo, Il Post raccoglie i titoli inizialmente pensati per romanzi internazionalmente noti, con tanto di copertine “ritoccate” per vedere che effetto avrebbe fatto, per esempio, “Trimalcione nel West-Egg” al posto de “Il grande Gatsby”, o “Morto non morto” al posto di “Dracula”.

Probabilmente “Romanzo criminale” non avrebbe avuto lo stesso successo col vecchio titolo… (Foto di: Il Post)

Continua a leggere il post