menu

Scrittori per le foreste

Quello del riciclaggio della carta è un problema annoso. Noi, come scrittori e lettori, sappiamo che la carta ha un grande valore; come esseri umani, però, sappiamo anche che questo valore non è solo letterario. E’ storia vecchia, ma non per questo meno attuale: per fare la carta vengono abbattuti migliaia di alberi ogni anno, troppo spesso in modo indiscriminato. E le foreste scompaiono.

E’ Greenpeace a porre l’attenzione sul problema e sugli accorgimenti necessari perché esso possa, col tempo, essere risolto o quantomeno ammortizzato. E non solo: moltissimi scrittori, tra cui nomi noti del panorama internazionale (e, nel nostro piccolo, italiano) si stanno mobilitando attivamente perché la carta riciclata trovi spazio per circolare nell’industria dell’editoria.

Non solo i famosi, però, possono fare qualcosa: Greenpeace ci spiega come anche noi, nell’ambito del quotidiano, siamo in grado di dare una mano. Le risorse del pianeta non sono infinite, ma può esserlo la nostra voglia di coesistere pacificamente con esso.

In che modo prendere parte al progetto? Scopritelo qui.

Condividi il post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *