menu

Dodi li

Oggi si celebra la giornata della memoria dell’Olocausto. Le manifestazioni e le iniziative sono molte, come è giusto che sia, e chiunque ritenga giusto farlo cerca a modo suo di omaggiare la memoria di chi è stato ucciso non solo dall’insensibilità, non solo dall’ignoranza, non solo dall’odio istituzionalizzato, ma dal terribile matrimonio tra lo sterminio e il fordismo, tra le liste di condannati a morte e le schede perforate dell’IBM.

Le parole sono un modo che abbiamo per dare senso alle cose. Lo sono anche le immagini, in maniera diversa. Ho unito le cose, e per Booksweb.tv ho fatto una breve lettura da un saggio di Jean-Luc Nancy, che ha dato un grande contributo alla filosofia estetica. Lo trovate cliccando su BOOKSPEOPLE > IO LEGGO PER VOI (quando scopriranno i direct link stappo lo spumante) e si intitola: “Jean-Luc Nancy – La rappresentazione interdetta”, è un saggio tratto dal libretto edito da Cronopio “Tre saggi sull’immagine”, breve ma densissimo.

Oggi si ricorda una pagina nera della storia dell’umanità, che probabilmente si ripete e si ripeterà ancora; si celebra al contrario, si rende omaggio a un buco nero. Secondo me possiamo andare oltre: rovesciamo la questione (senza nulla togliere alla memoria delle vittime) e celebriamo ciò che ci rende umani in senso positivo: la fratellanza, la solidarietà, il valore della vita e la creazione artistica. Ragazzi, oggi cade anche l’anniversario della nascita di Wolfgang Amedeus Mozart!

Quindi ho postato una canzone tradizionale yiddish, “Dodi Li”. A me piace moltissimo, ce ne sono in giro molte interpretazioni e ho scelto in base al mio gusto personale. Nonostante le tragedie che l’hanno colpito, il popolo ebraico è riuscito a non farsi cancellare, a non farsi relegare nel ruolo statico di vittima della storia. A me sembra giusto, oltre a dare risalto a un grande delitto, valorizzare quello che di buono c’è nell’essere umano, perché è grazie alla positività e all’affetto verso gli altri che possiamo evitare di trasformarci in assassini.

Buon ascolto!

Condividi il post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *