I limiti del possibile

Nel mio post precedente ho parlato di congiunzioni letteral-stellari: un asteroide dedicato al creatore del Piccolo Principe e una navetta di esplorazione chiamata come uno dei primi scrittori di fantascienza, uno dei più amati, Jules Verne.

Oggi, nel giorno in cui si è spento “l’ultimo grande scrittore dell’età d’oro della fantascienza” Arthur Clarke, ricordo che anche la sua scrittura ha “sconfinato” nella realtà, e che portano il suo nome l’asteroide 4923 Clarke e… un dinosauro.

 


L’unico modo di scoprire i limiti del possibile è avventurarsi un poco oltre, nell’impossibile.

Condividi il post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *