Psaico

Come promesso qualche giorno fa, è online la recensione a “Psaico” di Luca Brancato, edito da Zerounoundici edizioni.

I racconti, soprattutto i primi, mettono in scena uno humour nero in grado di strappare più di una risata convinta, grazie anche allo stile secco, asciutto e ritmato di Brancato, che dimostra di cavarsela con la penna.

Leggi la recensione

Condividi il post

3 Replies to “Psaico”

  1. utente anonimo ha detto:

    Innanzitutto grazie molte per la recensione.
    Nel complesso condivido le osservazioni fatte e sono ben lieto che il libro non annoi (peraltro questo è un riscontro che ho avuto da diversi di coloro che lo hanno letto). In effetti ho scritto i racconti con la massima umiltà possibile, rendendomi ben conto che potevo permettermi solo uno stile asciutto e di dover pensare a delle trame interessanti, pur nella brevità dei racconti. Anche secondo me un paio di racconti (ma non dirò quali!) sono un pò forzati, ma pazienza…
     

  2. utente anonimo ha detto:

    Caro Luca, per quanto mi riguarda, il linguaggio asciutto che ho evidenziato non è un difetto, anzi (spero si sia capito). Preferisco mille volte un autore che punta sulla semplicità con padronanza dei mezzi, piuttosto che su un linguaggio artificioso mal gestito.
    Grazie per la bella lettura: a volte ci accusano di essere immotivatamente "dure" nei nostri giudizi, ma casi come questo dimostrano che, se un libro e un autore valgono, siamo le prime a sottolinearlo e rallegrarcene.
    Un caro saluto e in bocca, al lupo 🙂

    Elena sloggata

  3. utente anonimo ha detto:

    Cara Elena, si capisce benissimo che considera un pregio il linguaggio asciutto. Dicevo solo che non penso proprio di essere in grado di scrivere "forbito". Grazie ancora e…crepi il lupo!!! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *