menu

Google onora Lem

Oggi sulla home di Google campeggia una simpaticissima gif animata che ricorda l’autore di fantascienza polacco Stanislaw Lem e l’anniversario della sua prima pubblicazione, “Il pianeta morto” del 1951.

L’immagine riportata, invece, è ispirata a un’altra celeberrima opera di Lem, Cyberiade, e in particolare al racconto “La macchina di Trurl”.

“Ma dove eravamo? Ah, ecco. Non ci sono dubbi, qui abbiamo una macchina stupida, ma non di una stupidità banale, di tutti i giorni, oh, no! Questa è, a quanto mi risulta – e sai che di queste cose ho una certa esperienza – la più stupida macchina pensante che sia mai esistita al mondo, e non si tratta di una cosa trascurabile.
Costruire intenzionalmente una macchina come questa sarebbe tutt’altro che facile; anzi,a dire il vero, penso che nessuno ne sarebbe in grado. Infatti la tua creazione non è soltanto stupida, ma anche ostinata come un mulo, ovvero ha una personalità assai comune tra gli idioti, che – è noto – in genere sono straordinariamente ostinati.”
“Che razza di impiego vuoi che si possa trovare, per una macchina come questa?” chese Trurl, e le mollò un altro calcio.
“Ti avverto, è meglio che la pianti!” minacciò la macchina.

Forse sarà un caso, forse noi di Studio83 siamo eccezionalmente ricettivi allo spirito dei tempi: vi annuncio che sono prossimamente in arrivo recensioni di opere di Lem. In particolare, io sto leggendo proprio Cyberiade, Elena invece è alle prese con l’autobiografia dell’autore, un libro interessante e da riscoprire. Ne parleremo presto.

Condividi il post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *