menu

Modena Buk Festival

Si è tenuto a Modena dal 3 al 4 marzo il Modena Buk Festival, piccola fiera del libro dedicata alla piccola e media editoria – più o meno quello che dovrebbe essere Più Libri Più Liberi a Roma, solo che, in questo caso, realizzata con meno risorse e spazio espositivo, ma con risultati probabilmente migliori (inoltre era a ingresso gratuito).

Il festival si è svolto all’interno del Foro Boario (postazione comodissima, se non altro perché raggiungibile in cinque minuti a piedi dalla stazione).

Si tratta di una struttura relativamente piccola, i cui spazi sono stati decorosamente sfruttati per dare spazio agli stand degli editori presenti. Solo le presentazioni dal vivo (ho assistito a una, “Esordi al femminile” dell’interessante casa editrice faentina Tempo al Libro) erano penalizzate da un’acustica poco studiata dei locali open-space (soprattutto se si tenevano due presentazioni in due sale attigue).

La fiera in sé era comunque meno dispersiva della già citata fiera di Roma, ho adocchiato piccole case editrici dal catalogo interessante, spesso molto specifico (il che a mio parere è un’ottima scelta, che dà a un editore un’identità definita e anche un bacino d’utenza mirato).

Inoltre, una location come Modena ha sempre il suo fascino e, dopo il giro alla fiera, non ho resistito a una passeggiata nel centro storico della città. Per chi ama Modena, ricordo il suggestivo racconto “Amici di lunga data” di Manuela Fiorini, pubblicato sul numero uno di “Venti Nodi“, che fa leva appunto sulle atmosfere di questa splendida città.

Condividi il post

One Reply to “Modena Buk Festival”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *