menu

Venti Nodi Zero… un anno dopo. Parte VII – Federico e Silvia

Venti Nodi Zero è stato un numero speciale del nostro bollettino, che con il contributo di tutti è andato davvero bene!

Parlo dei nostri scrittori, che ci hanno dato le loro parole e i loro racconti inclusi nel bollettino. E parlo anche dei musicisti che hanno reso il reading di presentazione un evento davvero speciale!

Federico Di Fazio e Silvia Ceracchini, cantante lei, cantautore e musicista lui (oltre che efficientissimo valutatore musicale per Studio83) hanno eseguito dal vivo alcuni pezzi del repertorio di Federico, eccone qui uno, il bellissimo “Serena”, live al Venti Nodi Zero Reading del 17 marzo 2012.

In questo anno, anche il loro percorso è stato ricco di sfide e di eventi. La voce di Silvia, nella sua doppia veste di interprete musicale e letterata:

Dal pomeriggio con la grande famiglia di Studio 83 le mie due grandi passioni, la musica e la scrittura, non si sono affievolite, e anzi si nutrono sempre più l’una con l’altra. Grazie al mio amico fraterno Federico di Fazio ho potuto infatti realizzare il sogno di avere un pezzo di musica tutto mio, da ascoltare nei momenti di sconforto, come una cura.
Il mio personale tesoro si intitola “La polvere nell’aria” e tratta di un momento delicato e difficile della mia vita. Il ringraziamento a Federico è doppio, perchè questa canzone non è solo un vanto e una soddisfazione ma un’esorcizzazione di vecchie paure, e una vittoria.

Di pari passo proseguo nella scrittura, che consiste, ed è la mia più grande fortuna, in una passione ma anche e soprattutto in un lavoro: sono una studiosa di letteratura. Scrivere per me ha un ruolo di grande responsabilità, perchè non si esaurisce con me, ma investe una sfera che va maneggiata con grande rispetto e reverenza, la scrittura dell’altro. In attesa che manifesti particolari attitudini io stessa alla scrittura creativa, saluto con un grande abbraccio tutto lo staff di Studio 83.

Silvia Ceracchini live al reading Venti Nodi Zero

Ed ecco il contributo, caustico come lo conosciamo, di Federico DI FAzio:

Dal lancio di Vento Nodi Zero ad oggi ho continuato a fare tutto quello che un artista normale e in perfetta salute fa quotidianamente: scrivere, registrare, gestire un blog, meditare sistematicamente il suicidio.

Quello che sento spesso intorno a me è l’incontro di due forze distruttive: da un lato l’aumento esponenziale dell’offerta “artistica” (letteraria e non), dall’altro l’esasperante monodirezionalità della comunicazione: milioni di autori in cerca di pubblico ma assolutamente disinteressati alla ricerca di prodotti letterari che non siano i propri. Da questo punto di vista credo che ci sia bisogno di altri mille Venti Nodi: luoghi in cui trovare l’interesse per la critica non autoreferenziale e l’opportunità di scambio reciproco. Perché – inevitabilmente – la sostanza delle cose passa anche (e soprattutto) dalla forma.

Federico Di Fazio live al reading Venti Nodi Zero

Vuoi saperne qualcosa in più sul reading e non ne hai ancora abbastanza? Vai alla Gallery dell’eventi  e sarai accontentato con una valanga di contenuti e video letterari e musicali.

E se non vedi l’ora di far parte anche tu della grande “famiglia di Studio83”, dai un’occhiata al bando del nostro concorso letterario “I Ritornanti”, c’è tutta l’estate per partecipare!

Condividi il post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *