menu

Studio83 su La Zona Morta!

Nei giorni scorsi, ho avuto l’occasione di parlare di Studio83 (e anche un po’ di me) sulle pagine del portale “La Zona Morta”, dedicato alla letteratura di genere italiana ed estera.

Grazie a Filippo Radogna, che mi ha posto delle domande… interessanti e complesse, che mi hanno fatta ragionare un bel po’!

A parte che essere nei panni dell’intervistata non è una cosa per me consueta. In questo piccolo blog ci sono tante interviste che abbiamo realizzato con editori e autori, ma sempre dalla parte più comoda 🙂

interviste a scrittori ed editori - studio83

Pure le poltroncine… meglio di così!

Sono stata davvero felice di questa occasione offertami da Filippo Radogna, perché oltre ad avermi spinta a pensare, mi ha dato anche l’opportunità di guardarmi indietro e riflettere sul mio, sul nostro percorso: sulla storia e sulla missione di Studio83.

Correva l’anno 2007. Ero al telefono con Elena. E mi lamentavo. Possibile che non si riesca a leggere online una recensione seria in un lit blog?

Sì, è andata proprio così. L’idea di Studio83 è nata come pura reazione, come irritazione, come scatto di insofferenza e stanchezza.

Oggi, con il self publishing, le realtà che si rivolgono agli autori esordienti sono centinaia. Ma Studio83 è stata la prima che si è occupata di riconoscere, sostenere, affiancare gli autori in erba nella scrittura e nella difficile definizione del proprio lavoro.

E anche questo è vero. Il 17 marzo del 2007, nel post “Nasce Studio83!” scrivevamo:

Nulla è più sbagliato che immaginare lo scrittore come solo: chi scrive sa bene quanto sia importante avere un altro paio d’occhi sulla propria opera. Il confronto è una delle parole chiave che tutti gli autori, esordienti o meno, tengono bene a mente.

Per chi è scrittore esordiente, però, spesso è difficile trovare qualcuno che possa fungere da sguardo – per così dire – “altro” sulla propria opera. Qualcuno è fortunato e ha amici competenti che condividono la stessa passione; altri, invece, se la devono cavare da soli.

STUDIO83 nasce dalla volontà di creare, per la rete degli esordienti, un servizio efficiente che offra quella consulenza spesso impossibile da trovare. Una consulenza che sia approfondita, disinteressata, e che possa strutturarsi come una forma di collaborazione in itinere con lo scrittore.

Bello davvero trovarci qui oggi! Siamo cresciute, Studio83 si è evoluto, ma lo spirito è ancora quello, la passione intatta, la missione decisamente chiara!

da Efficacemente.com

Nell‘intervista su La Zona Morta non ho parlato solo di Studio83, ovviamente: grazie alle domande di Filippo, abbiamo dedicato spazio a temi importanti come questi:

loghetto  L’ebook in relazione al mercato del libro. L’ebook è una rivoluzione, ma non tutti se ne sono accorti. E chissà, forse è anche una fortuna!

loghetto  I giovani e la lettura: come appassionarli? Forse la domanda non è esattamente questa… forse possiamo chiederci come farci appassionare a nostra volta dall’amore per la lettura che i giovani hanno già, e da vendere! Come facciamo a non deluderli? Come li aiutiamo a proseguire?

loghetto  La narrativa e il web: un rapporto, stretto, strettissimo, che rende liquidi i confini tra autori e lettori e ci coinvolge in nuove appassionanti conversazioni.

loghetto  Il panorama della fantascienza italiana. Diverse gioie, novità forti… e ahimé, anche dei dolori, alcuni decisamente molto ben coccolati…

Ho avuto poi occasione di parlare della mia attività di scrittrice. Che si fa sempre più importante nella mia vita, forse questo era nei piani originari, forse no.

C’è questa cosa buffa. Ho il pallino della scrittura fin da bambina, così a un certo punto mi sono detta: se lavorerò nel settore dei libri, potrò continuare a scrivere. Poi quando con Studio83 ho iniziato a lavorare sul serio… ho smesso di scrivere. Dovevo studiare ancora, seguire gli autori, leggere e bloggare, non avevo più tempo né forza per le mie scritture!

La situazione è cambiata. Ho pubblicato un romanzo, molti racconti e altri sono in via di pubblicazione. Il pallino della scrittura non se n’è andato. In questa fase della mia vita mi sento ancora più editor che autrice, tant’è che i progetti più importanti che sto seguendo vanno in questo senso.

Se qualcosa ti incuriosisce, puoi approfondire leggendo l’intervista integrale di Filippo Radogna a me medesima su “La Zona Morta”. L’intervista è stata pubblicata anche sul sito del WorldSF Italia e su Fantascritture, il blog di Gian Filippo Pizzo. Tutti e tre sono siti che seguo e che ringrazio davvero, per lo spazio che hanno dato alle mie parole.

Parole positive, di entusiasmo verso la scrittura e il panorama che possiamo costruire. Parole di cambiamento.
A volte anche parole di critica verso lo stato attuale delle cose.
Del resto, che ti aspetti da Studio83? 🙂

 

Attenzione! Sono tra noi! Studio83 a Stranimondi 2015 🙂

Condividi il post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *