menu

Romanzi sui pirati – Consigli di lettura

L’estate è alle porte, iniziano le prime gite domenicali al mare: cosa leggere sotto l’ombrellone?

La proposta a tema di questo mese sono i romanzi sui pirati, letture intriganti e avvincenti che ci terranno compagnia mentre siamo in spiaggia.

“Quanti libri?”


Il Corsaro Nero, di Emilio Salgari. Uno dei romanzi più celebri dello scrittore veronese, e anche una delle sue opere più belle. Racconta la toccante storia di vendetta del Corsaro Nero Emilio di Roccabruna, signore di Ventimiglia, intenzionato a uccidere il governatore di Maracaibo, che ha impiccato i suoi fratelli. Quando a bordo della Folgore, la sua nave, viene imbarcata una donna di cui si innamora, la storia prende una piega inattesa…

L’isola del tesoro di Robert Louis Stevenson è un altro grande classico: pubblicato a puntate nel 1881, ha portato nell’immaginario collettivo i pirati, la caccia al tesoro, le mappe, le isole sperdute, le gambe di legno, le bandiere col teschio e le bottiglie di rum, affascinando tante generazioni di ragazzi e di adulti.

Le tigri di Mompracem, di Emilio Salgari. Sempre di Salgari la seconda proposta, primo romanzo del celeberrimo ciclo di Sandokan, che ha ispirato moltissimi altri romanzi e racconti, alcuni dei quali apocrifi, e anche molti film e fiction televisive. In questa prima avventura, che segnerà la sua esistenza, il pirata Sandokan – ex principe del Borneo – si innamora di una donna di cui ha solo sentito parlare, la giovane Marianna Guillonk, nipote di un lord inglese. La sorte gli darà occasione di incontrarla e farla innamorare a sua volta, ma lo zio della ragazza odia a morte i pirati ed è disposto a tutto per impedire che la relazione prosegua.

Ritornano le tigri della Malesia è il geniale e piacevolissimo pastiche salgariano di Paco Ignacio Taibo II: iperletterario e politico, ma anche avventuroso, pirotecnico e innamorato dell’originale.

L’isola dei pirati, di Michael Crichton. Dopo la morte di Michael Crichton, avvenuta nel 2008, nel suo pc fu trovato un manoscritto inedito e non concluso, “Pirate latitudes”. Richard Preston si incaricò di portarlo a termine e fu pubblicato l’anno successivo. In Italia è giunto col titolo “L’isola dei pirati” e racconta le avventure del corsaro Charles Hunter, che progetta di rubare un ricco galeone spagnolo ancorato vicino Port Royal con l’aiuto del governatore della Giamaica. Ma il galeone è difeso da un sadico capitano spagnolo…

Mari stregati, di Tim Powers. Pubblicato nel 1987, il romanzo di Powers unisce la storia di mare al fantasy e narra dei tentativi del temibile professor Horwood di riportare in vita la moglie. Protagonista della vicenda è il giovane John Chandagnac, innamorato della figlia di Horwood, che si ritrova suo malgrado a lavorare come cuoco di bordo dopo che la nave su cui viaggiava è stata arrembata dai pirati con l’aiuto del professore. “On stranger tides” (questo il titolo originale) ha ispirato la saga di videogiochi Monkey Island e l’omonimo capitolo della saga di Jack Sparrow (tradotto in italia come “Oltre i confini del mare”).

I pirati fantasma, di William Hope Hodgson. Anche qui il romanzo di mare sconfina nel genere fantasy/horror: “The ghost pirates”, pubblicato nel 1909, racconta di una terribile nave fantasma che attacca il vascello Mortzestus durante un viaggio verso Capo Horn. A riportare la storia è il marinaio Jessop, che l’ha vissuta in prima persona.

Buona lettura… YOH-OH!

Condividi il post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *