menu

I consigli di scrittura di Luca Azzolini

Il nostro viaggio nelle buone pratiche di scrittura si arricchisce del contributo di un bravo autore, che ha accettato di condividere con noi i suoi consigli per scrivere bene e… di gusto!

Luca Azzolini è redattore, editor e romanziere: al suo attivo diversi romanzi pubblicati con Reverdito Editore, e alcune fortunate saghe fantasy per ragazzi date alle stampe da Piemme e Giunti Editore.
Luca è un autore esperto ed è anche una persona gentile, positiva e aperta alla novità e alla collaborazione… è anche del 1983, come noi 😉

Lasciamo a lui la parola:

“Scrivere è un mestiere difficile. Scrivere (in Italia) è quasi impossibile. Ma si può fare. Anzi, ripetiamolo come si deve: SI – PUÒ – FARE!!!

Serve però dedizione, metodo e tanto lavoro. Serve anche pelle di rinoceronte per sopportare i rifiuti, farsi forza davanti agli ostacoli e proseguire per la propria strada e, nonostante ciò, quella pelle non deve essere tanto spessa da non lasciar affiorare quelle emozioni che sono il cuore di ogni libro.

E allora, ecco tre onesti suggerimenti da parte mia:

loghetto

Sii onesto, prima con te stesso e poi con il lettore. Un romanzo ha bisogno di tempo, di cure speciali e niente può essere lasciato al caso. Niente. Un’idea, se non ti convince, non convincerà nessun altro. Sii originale, mai scontato e dai il massimo.
Non avere fretta di pubblicare (il mondo dell’editoria non è così splendido come sembra, credimi!). Lavora su te stesso e sui personaggi, chiediti chi sono, chi erano, chi saranno dopo la tua storia. Struttura il testo prima di immergerti fra le sue pagine: stila canovaccio, set-up, sinossi e proposal così da non perdere la strada. Rileggi. Una. Due. Dieci volte. Riscrivi. Una. Due. Dieci volte. Continua a farlo, perché un’occasione arriva per tutti.

loghetto

Continua a crederci, nonostante i “no” degli altri.
Il primo romanzo che ho pubblicato è stato il quinto che ho scritto (in sei anni ininterrotti di speranze, tentativi e lavoro concreto). Anche se sei certo della validità del tuo testo, anche se hai seguito punto per punto i consigli del paragrafo precedente, è possibile che, per migliaia di variabili che non hai preso in considerazione durante la scrittura, quella storia non sarà pubblicata. L’editoria è volubile, in Italia più che da altre parti. Tu scrivi. Leggi. Informati. C’è una chiave di lettura adatta per ciascuno di noi, che conduce a una porta ideale. Non stancarti di cercare quella chiave. Impara dagli autori che hai amato, depreda in maniera creativa gli altri, se necessario (ma guai al plagio!). Prendi il meglio di chi ti ha ispirato e usalo per plasmare le tue storie.
Il talento è solo tanto lavoro che inizia a dare i suoi frutti.

loghetto

Non considerarti mai arrivato, continua a desiderare. Scrivere è alimentare un fuoco. La curiosità, i desideri, i sogni, sono legna da ardere per la scrittura. Non ripiegarti su te stesso, non adagiarti solo su un genere, uno stile o un tipo di storia, sii curioso. Leggi molto. Studia. Impara. Scopri altri modi di raccontare storie, vivile in prima persona, curiosa nel passato, immagina il futuro. Reinventati sempre, giorno per giorno.”

Grazie a Luca per questi – tre? Tanti! consigli per scrivere, pubblicare e non perdere mai il sorriso!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è studio83-vintage-3.jpg
Con Studio83, trova la strada che fa per te e per la tua opera!

Condividi il post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *