menu

Happy Birthday, Stephen King: dieci consigli di scrittura del Maestro del Brivido!

Oggi è un compleanno speciale: il 21 settembre del 1947 nasceva Stephen King a Portland, nel Maine, il profondo nord statunitense.
L’autore, tra i più venduti e influenti di questo secolo e del precedente, esordì nel 1974 con “Carrie”, cult-horror al femminile, e da lì non si è più fermato.

Per celebrare il Maestro abbiamo pensato di riportare, a mo’ di breve vademecum, dieci suoi consigli sulla scrittura e l’editoria: dieci ipse dixit d’autore da mettere nella nostra “cassetta degli attrezzi”, come insegnamenti preziosi.

Buona lettura!

1. Il tempo che impieghiamo a parlare di scrittura è tempo che non impieghiamo a praticarla.

2. Scrivere è magia, è acqua della vita come qualsiasi altra attività creativa. L’acqua è gratuita. Dunque bevete.

3. Se non hai il tempo per leggere, non hai il tempo (e gli strumenti) per scrivere. Semplice!

4. Le descrizioni iniziano nell’immaginazione dell’autore, ma devono compiersi in quella del lettore.

5. Scrivi quello che ti piace, poi impregnalo di vita e rendilo unico infondendoci la tua conoscenza personale della vita, dell’amicizia, delle relazioni, del sesso e del lavoro.

6. Quello che dovete tenere a mente è che c’è una bella differenza tra fare la lezioncina su quello che avete imparato e usare quella conoscenza per arricchire la storia. La seconda è ok. La prima no.

7. Scrivere un libro è un po’ come stare giorno dopo giorno a osservare e identificare gli alberi. Quando hai finito, devi fare un passo indietro e ammirare la foresta.

8. L’abilità nella descrizione, nel dialogo e nello sviluppo dei personaggi è la capacità di vedere o ascoltare con chiarezza e quindi trascrivere ciò che si è visto o udito con uguale chiarezza.

9. Scrivi con la porta chiusa, riscrivi con la porta aperta. In altre parole, ciò che scrivi comincia come una cosa tutta tua, ma poi deve uscire. Dopo che hai ben capito che storia è e la scrivi nella maniera giusta, o comunque al meglio di cui sei capace, appartiene a chiunque abbia voglia di leggerla.

10. Se volete fare gli scrittori, ci sono due esercizi fondamentali: leggere molto e scrivere molto. Non conosco stratagemmi per aggirare queste realtà, non conosco scorciatoie.

Con Studio83, trova la strada che fa per te e per la tua opera!
Condividi il post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *