menu

Tecniche di scrittura: cinque trucchi per mantenere alta l’attenzione di chi legge

La scrittura ha sempre un destinatario: il lettore e la lettrice. Catturare e mantenere la sua attenzione è importantissimo, sia perché porti a termine la lettura del libro che ha in mano, sia perché trovi l’esperienza abbastanza interessante da leggerci di nuovo in futuro.

Uno degli obiettivi principali di un editing è migliorare l’efficacia di un manoscritto da questo punto di vista, suggerendo all’autore/autrice come intervenire sulla prima stesura con qualche strategia utile.

Quali sono le tecniche più semplici per catturare e mantenere l’attenzione di chi legge? Andiamo a vederne cinque tra le più comuni!

1. I colpi di scena

Non devono essere sempre eclatanti, né plot twist che stravolgono la catena degli eventi.

Anche qualche colpetto di scena qua e là, ben dosato e magari posizionato alla fine di un capitolo, invoglia sempre il lettore ad andare avanti per sapere cosa accadrà.

Il colpo di scena alla fine del capitolo si chiama “cliffhanger”: senza esagerare, possiamo ricorrervi per tenere chi legge inchiodatə alla nostra storia.

Può interessarti anche: “Colpi di scena – Cinque tecniche per catturare il lettore”

2. Gestire l’arco degli eventi

Perché il lettore e la lettrice arrivino fino alla fine del romanzo, dobbiamo calibrare bene l’intreccio e posizionare gli eventi salienti nei punti giusti. Svelare troppo in fretta o, al contrario, essere troppo reticenti rischia di far calare la curiosità.

Perché la struttura funzioni, dobbiamo dedicare abbastanza tempo ed energie alla pianificazione preliminare e alla scaletta!

3. Creare protagonisti efficaci

Una buona percentuale della riuscita di una storia è affidata ai personaggi. Sono un elemento centrale, in cui dobbiamo saper infondere vita, carisma e particolarità memorabili.

Se la lettrice / il lettore si affeziona ai personaggi, possiamo stare certi che arriverà all’ultimo capitolo.

Leggi anche: “Protagonisti e protagoniste – costruirli in modo efficace”

4. Semplicità

Se ci stiamo cimentando in un genere letterario d’intrattenimento, come l’avventura o il thriller, ricordiamo di essere sempre semplici. Frasi non troppo lunghe e capitoli brevi, nei limiti del possibile. Anche i paragrafi devono essere brevi e incisivi.

Potrà sembrarci di impoverire il nostro stile o di snaturarlo, ma la semplicità è universalmente efficace. Provare per credere!

5. Un pizzico di mistero

Lasciamo sempre un mistero da rivolvere, che duri fino alla fine. Nell’arco di un romanzo ci sono elementi che sveliamo di volta in volta, e che diventano nuove svolte dell’intreccio.

Ricordiamo però di lasciarne almeno uno che resti tale fino alla fine: in questo modo lettori e lettrici dovranno arrivare all’ultimo capitolo per aver chiaro tutto, ma proprio tutto!

Vuoi sapere se il tuo romanzo riesce a catturare l’attenzione e l’interesse? Scoprilo con una scheda di valutazione del tuo manoscritto!

Condividi il post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *