Loving the Alien Fest di Torino: come è andata!

Siamo rientrate domenica sera da Torino, dopo due giornate di fuoco (letteralmente!) trascorse al Loving the Alien Fest, evento organizzato dal Museo del Fantastico e della Fantascienza e giunto alla seconda edizione.

L’evento è stato appassionante e ricco di voci, pur con una partecipazione di pubblico meno oceanica rispetto allo scorso anno, probabilmente per questioni climatiche (le previsioni annunciavano da giorni freddo e forte maltempo, invece sabato è stato davvero molto caldo e la tempesta è scoppiata solo nella notte, risolvendosi per fortuna in mattinata). Presentazioni e panel si sono tenuti all’aperto, mentre all’interno del MuFant si poteva visitare l’esposizione “Women of wonder – Donne superpotenti”, oltre alla mostra permanente.

Appena arrivate! (Foto di Paolo S. Cavazza)

La nostra agenda per il festival era ricca di incontri. Nella tarda mattinata di sabato, Giulia ha introdotto la presentazione “Vite da strega: il potere femminile nella cultura pop”, panel tenuto da Leone Locatelli, Alessio Davino e Angelo Serfilippi. Per maggiori informazioni vi rimandiamo al sito heroica.it!

Alle 14.00 abbiamo seguito dal pubblico il panel collettivo su “Temponauti“, l’ultima antologia tutta italiana di Urania Mondadori. Ne hanno parlato il curatore Franco Forte e alcuni degli autori e autrici partecipanti, illustrando il progetto dietro l’antologia e la genesi dei racconti.

Da sinistra: Lukha B. Kremo, Fabio Aloisio, Davide Del Popolo Riolo, Franci Conforti, Giovanna Repetto, Franco Forte, Davide De Boni, Paolo Bertetti, Flavia Imperi, Salvatore Proietti, Lanfranco Fabriani, Leonardo Patrignani

Subito dopo è toccato a Elena Di Fazio salire sul palco, insieme a Franco Forte e Paolo Bertetti, per presentare il suo romanzo “Resurrezione”, vincitore dell’ultimo premio Urania e in uscita a novembre proprio nella celebre collana Mondadori.

Da sinistra: Elena Di Fazio, Franco Forte, Paolo Bertetti

Nel pomeriggio, lo scrittore e curatore Franco Ricciardiello ha presentato la collana “Atlantis“, che sta curando per Delos Digital. Con l’occasione si è parlato di solarpunk in generale con Giulia Abbate, Romina Braggion e Silvia Treves, gruppo super attivo che sta portando questo genere narrativo verso nuovi e più ampi orizzonti. Il panel è stato trasmesso in diretta Facebook sulla pagina di Solarpunk Italia.

Da sinistra: Silvia Treves, Franco Ricciardiello, Romina Braggion, Giulia Abbate

È toccato poi a Giulia Abbate illustrare il progetto che ha realizzato in questi mesi per edizioni Watson. “Oltre la soglia” e un’antologia di racconti di vari generi e sfumature, sotto un tema comune: i vicini di casa. I vari autori e autrici ingaggiati hanno fornito la loro personale visione dell’argomento declinandolo in modi originali. Durante il panel sono intervenuti gli autori e autrici presenti al festival: Sergio Beccaria, Silvia Treves, Franco Ricciardiello, Romina Braggion.

Last but not least, Giulia Abbate e Franco Ricciardiello, insieme a Silvia Ramasso e Caterina Schiavon di Edizioni Neos, hanno introdotto il corso di scrittura di fantascienza che terranno prossimamente.

Paolo Bertetti introduce Neos Edizioni, Giulia Abbate e Franco Ricciardiello

La mattina di domenica siamo riuscite a fare solo un salto veloce prima di ripartire alla volta di casa, ma c’era un pit-stop che non potevamo saltare: quello alla libreria Nora Book & Coffee, specializzata in tematiche di genere, diritti civili, femminismi e minoranze. A noi si è unito anche Leone Locatelli e tutti e tre siamo usciti dalla libreria con un bel bottino.

Sortita mattutina al Nora Book & Coffee!

Insomma, il Loving the Alien Fest è stato una bellissima esperienza che speriamo di ripetere il prossimo anno, tanto più in una cornice meravigliosa e suggestiva come la città di Torino. Grazie ancora a organizzatori e organizzatrici per averci invitate e per tutto l’impegno che hanno messo in questo evento!

Wonder women! (Foto di Paolo S. Cavazza)
Condividi il post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *