Appunti di editing

Costruire un intreccio: 5 consigli per farlo al meglio!

Uno dei primi scogli da affrontare, prima di scrivere un romanzo, è costruire l’intreccio. È una fase successiva all’idea iniziale, nella quale dobbiamo ampliare la bozza di trama che abbiamo in mente (solitamente generica) e darle nel dettaglio una forma precisa.

L’intreccio è l’insieme di tutto ciò che accade nel nostro romanzo, nell’ordine esatto in cui vogliamo narrarlo. È, in sostanza, la struttura portante su cui si snoda la nostra storia.

Come costruire un intreccio efficace? Ecco cinque consigli che ci aiuteranno a lavorare con efficienza!

#1. Prendere esempio da romanzi di successo simili a quello che vogliamo scrivere.

Il che, ben inteso, non significa copiare! Ma, come ci ha ricordato Giulia qualche giorno fa nelle storie di Facebook (ci seguite sui social?), ogni opera va a inscriversi nel solco di una tradizione: è bene quindi conoscere quella tradizione per interiorizzare e riapplicare i topoi, riformulandoli in modo originale e personalizzato.

#2. Definire l’intreccio al 100% prima di mettersi a scrivere.

Sapere tutto ciò che accadrà, e l’ordine esatto in cui accadrà, è fondamentale a non commettere errori di continuity e, soprattutto, a non restare impantanati a metà dell’opera (il cosiddetto blocco dello scrittore!). Si tratta di una fase preliminare a cui dobbiamo dedicare tutto il tempo e la cura del caso, a costo di far slittare la stesura (la parte più divertente, lo sappiamo! Ma per affrontarla al meglio…)

#3. Creare la giusta quantità di sottotrame.

Queste ultime vanno a formare l’impalcatura più grande seguendo delle linee narrative interne. Non esiste una quantità predefinita di sottotrame, dipende da molti fattori: il genere letterario, la lunghezza del romanzo, la nostra esperienza e capacità di gestire il tutto. Di nuovo, leggere romanzi di successo e capire come funzionano è fondamentale.

#4. Usare i colpi di scena per ravvivare la storia quando serve.

La morte, vera o bluffata, di un personaggio protagonista; una rivelazione improvvisa che rovescia tutto quello che abbiamo narrato finora; un flashback che getta di colpo una luce diversa sulla storia e i personaggi… le tecniche sono tante, bisogna conoscerle e applicarle!

#5. Liberare la creatività.

Bando ai timori! Non aggrappiamoci al già visto, non fermiamoci alle svolte narrative trite e ritrite (o ai soliti stereotipi). Scriviamo la storia nella nostra mente e diamole tutta la vita e lo spessore che merita. Divertiamoci a pensarla! Anche il lettore si divertirà a leggerla, garantito.

Vuoi un parere sull’intreccio del tuo romanzo? Prova le nostre schede di valutazione!

Scrivere per stereotipi significa scrivere male!

Sulle pagine del nostro blog ci siamo più volte soffermate su una questione da sempre complessa, che ciclicamente, a seconda del vento che tira nel dibattito pubblico, si fa anche spinosa.
Parliamo degli stereotipi, che a volte sono presenti anche nei romanzi che leggiamo e nelle storie che scriviamo.

read more

La documentazione: come renderla rapida ed efficace

Ogni buon romanzo inizia con due passaggi: l’idea iniziale e la documentazione preliminare. Questa fase è assolutamente fondamentale non solo per costruire un testo credibile e solido, ma anche per risvegliare e potenziare la creatività.

read more

Progettazione? Sì, ma…

La cultura della scrittura creativa prende gradualmente piede anche in Italia, ed è una bellissima notizia!

read more

Lavorare all’editing con la casa editrice

Hai proposto il tuo manoscritto a una casa editrice, hai atteso paziente e infine la risposta è arrivata: il tuo romanzo è stato scelto e sarà pubblicato nel loro catalogo!

È una bella soddisfazione e anche l’inizio di un percorso la cui prima tappa sarà l’editing. Come funziona? Come affrontarlo? Scopriamolo insieme!

read more

Con il vocativo, ci va la virgola!

Per i nostri appunti di editing, abbiamo già affrontato tempo la fa questione del complemento di vocazione, e del giusto modo di riportarlo sulla pagina: ovvero con la virgola, segno di interpunzione che con il vocativo è fortemente raccomandato, quando non necessario.

read more

Tecniche di scrittura: cinque trucchi per mantenere alta l’attenzione di chi legge

La scrittura ha sempre un destinatario: il lettore e la lettrice. Catturare e mantenere la sua attenzione è importantissimo, sia perché porti a termine la lettura del libro che ha in mano, sia perché trovi l’esperienza abbastanza interessante da leggerci di nuovo in futuro.

read more

Editori a pagamento – Come riconoscerli subito? #EAP

Pochi giorni fa, abbiamo parlato della chiusura del WD e della presenza ancora forte delle case editrici a pagamento. C’è bisogno di informazione e competenze, per aiutare autori e autrici esordienti a orientarsi in un settore non sempre trasparente.

Questo è lo scopo del post di oggi.

read more

#comesiscrive ROMANCE: i consigli di Adriana Romanò

I consigli di scrittura romance si stanno rivelando utili e graditi a moltə di voi, quindi… proseguiamo nella nostra indagine di un genere molto venduto e super letto, ma poco considerato da studi e metodi “seri”.

read more