Stappate lo champagne

… perchè dopo settimane farcite di impegni, passate a procrastinare continuamente, il momento è arrivato! Finalmente è online l’intervista a Sara Durantini, giovane scrittrice, che ha pubblicato la sua opera prima “Nel nome del padre” con Fernandel, casa editrice che è da sempre un punto di riferimento della letteratura giovane ed emergente.

Sara è stata molto diponibile e altrettanto paziente, e insieme abbiamo chiacchierato di scrittura, scuola e giovani esordienti: la ragazza ha le idee chiare!

Quando ero piccola “scrivevo libri” in pochi giorni. Tagliuzzavo alcuni fogli come veri e propri libri, coloravo la copertina e poi inventavo delle storie che riportavo sulla carta…”

continua a leggere l’intervista…

Premio Calvino

Il non aver mai pubblicato è un cruccio per molti esordienti. E ancor più lo è avere un romanzo nel cassetto senza sapere bene come e dove tirarlo fuori. Grazie al premio Calvino, però, entrambe queste condizioni potrebbero rivelarsi un vantaggio… Come? Scopritelo leggendo il bando.

Presentazione: “Concepts. Moda e gusto”

Presentazione di CONCEPTS MODA E GUSTO

Ieri, 28 giugno, presso il multicenter mondadori di via Marghera a Milano, si è svolta la presentazione di CONCEPT MODA e CONCEPT GUSTO, le due nuove uscite della casa editrice ARPANet.

La ARPANet è una realtà giovane e dinamica, molto impegnata nella scoperta di nuovi talenti, e la serie dei CONCEPT è una collana di antologie di racconti di esordienti che hanno per tema le diverse fonti di ispirazione per uno scrittore: sono già uscite quelle riguardanti la LETTERATURA, il CINEMA, l’ARTE, e le due uscite MODA e GUSTO presentate ieri sembrano altrettanto promettenti. Molto interessante anche la scelta di pubblicare dei MINI CONCEPTS, ovvero dei libricini contententi un solo racconto. I racconti sono selezionati quasi tutto attraverso i concorsi letterari banditi da ARPANet, concorsi che prevedono anche la partecipazione dei lettori al giudizio, oltre all’intervento di una giuria di qualità.

Durante l’incontro sono intervenuti come ospiti Francesca Mazzucato e Raul Montanari e  quest’ultimo ha definito il racconto “la forma di prosa più pura”: sembra anche l’opinione della casa editrice, che sta puntando molto sui giovani novelist.

Un punto di vista interessante…condivisibile o no?

Che ne pensate?

La città del terrore

In un panorama horrorifico monopolizzato da correnti nippoamericane, il portale Horrorlandia rilancia l’horror all’italiana (perché, checché si dica, in questo campo il nostro paese ha una lunga tradizione spesso dimenticata! ^__^)

Horrorlandia bandisce infatti il concorso “La città del terrore“, dedicato a racconti che non superino le 2000 parole e che, come si legge nel bando, “…dovranno rispettare il tema del concorso e cioè essere ambientati in una città italiana, meglio se la vostra città. Nel racconto dovranno esserci riferimenti precisi ad essa, magari con una breve descrizione collocata dove vorrete.”

Horroristi italiani, fatevi sotto! Per maggiori informazioni, in fondo a questa pagina troverete il bando completo.


Il dono di Rebecca

Dopo una piccola parentesi dedicata alla poesia, “Esordiamo!” torna a occuparsi di narrativa: l’opera d’esordio in questione è “Il dono di Rebecca“, di Marina Dionisi, pubblicato da Deinotera Editrice.

La recensione:

“Il romanzo d’esordio di Marina Dionisi, studiosa di antropologia, elettromagnetismo e paranormale, si apre con una citazione, densa di rimandi, del filosofo romantico Novalis: “Perché tutto il visibile riposa sull’invisibile, l’intellegibile sull’incomprensibile, il tangibile sull’impalpabile.”
La  vicenda raccontata nel romanzo, la storia del “dono” della sensitiva Rebecca e del suo dispiegarsi negli anni, oscilla anch’essa tra visibile e invisibile…”

Continua a leggere…

Aerei di carta

È alla sua terza edizione il concorso di narrativa “Culturexpress” bandito dalla FEEM, Fondazione Eni Enrico Mattei. Il tema dell’anno è “Aerei di carta“: se avete fra i 18 e i 35 anni, aguzzate l’ingegno! La partecipazione è gratuita. Ma non sto qui a tediarvi… per i dettagli c’è il bando!

Scrittori per le foreste

Quello del riciclaggio della carta è un problema annoso. Noi, come scrittori e lettori, sappiamo che la carta ha un grande valore; come esseri umani, però, sappiamo anche che questo valore non è solo letterario. E’ storia vecchia, ma non per questo meno attuale: per fare la carta vengono abbattuti migliaia di alberi ogni anno, troppo spesso in modo indiscriminato. E le foreste scompaiono.

E’ Greenpeace a porre l’attenzione sul problema e sugli accorgimenti necessari perché esso possa, col tempo, essere risolto o quantomeno ammortizzato. E non solo: moltissimi scrittori, tra cui nomi noti del panorama internazionale (e, nel nostro piccolo, italiano) si stanno mobilitando attivamente perché la carta riciclata trovi spazio per circolare nell’industria dell’editoria.

Non solo i famosi, però, possono fare qualcosa: Greenpeace ci spiega come anche noi, nell’ambito del quotidiano, siamo in grado di dare una mano. Le risorse del pianeta non sono infinite, ma può esserlo la nostra voglia di coesistere pacificamente con esso.

In che modo prendere parte al progetto? Scopritelo qui.

Generazioni al femminile

La casa editrice Progetto Cultura avvia un filone tematico avente come soggetto le storie di donne.
La piccola casa editrice romana lancia infatti una nuova collana editoriale, “Generazioni al femminile”, in grado di accogliere narrazioni sulle donne. La scrittrice Elisabetta Bilei è stata nominata curatrice.

“Generazioni al femminile” è incentrato sulla figura della donna analizzata da molteplici sfaccettature. Non è una collana rosa ma uno spazio lasciato alla freschezza e all’innovazione dell’essere donna, oggi.

Segnaliamo anche che Progetto Cultura 2003 ha bandito un concorso letterario promosso dal CIFA Onlus, il Premio Letterario CIFA ONG For Children – Aiutare i bambini CI FA bene. La scadenza è prevista per il prossimo 30 giugno; per maggiori informazioni, vi rimandiamo al bando (in pdf).

Premio Odissea

Ancora narrativa di genere per i concorsi qui segnalati: stavolta parliamo del Premio Odissea, trofeo nuovo di zecca che andrà a sostituire il vecchio Premio Fantascienza.com.

Il concorso è aperto a romanzi di genere fantascienza e fantasy, inediti e in lingua italiana. Non ci sono veri e propri limiti sulla lunghezza delle opere.

Il premio è bandito dall’associazione Delos Books e la scadenza è prevista per il prossimo 31 dicembre.

Per chi fosse interessato a tirar fuori il manoscritto dal cassetto, qui c’è il regolamento completo. In bocca al lupo!

Concorso di narrativa fantasy

La casa editrice Montag indice la prima edizione del Concorso “Regno di Aquilonia” dedicato a romanzi fantasy.

I romanzi dovranno avere una lunghezza di massimo 500 cartelle, per 2000 battute l’una spazi compresi. E’ accettato ogni genere di fantasy.

E’ prevista una tassa di partecipazione di 25 euro per ogni romanzo inviato; in compenso, per il primo classificato c’è in palio la pubblicazione con relativo contratto editoriale, royalties e quant’altro (un’ottima occasione, dunque!)

Per maggiori informazioni, qui trovate il bando in pdf. In bocca al lupo!