L’ultimo viaggio di Crichton

La notizia risale ormai a una settimana fa, ma ci tenevamo anche noi a ricordare Michael Crichton, scomparso lo scorso 4 novembre. Crichton, nell’ambito della carriera di scrittore, è stato uno dei più famosi e imitati autori di romanzi d’avventura a sfondo tecnologico, i cosiddetti technothriller. La formazione di medico e chirurgo di Crichton (che pure esercitò pochissimo la professione) gli fu preziosa per raccontare situazioni al limite della fantascienza, e altrettanto prezioso fu l’immenso amore per i viaggi, che lo portò a visitare innumerevoli luoghi e paesi da cui trasse ispirazione. Le opere di Crichton non hanno mai avuto la pretesa di toccare le vette dell’alta letteratura, tuttavia nel loro genere sono state tra le più appassionanti.

Chrichton fu anche sceneggiatore (ricordiamo “Jurassik Park” di Spielberg – tratto dal suo romanzo omonimo – e “Sol Levante” di Kaufman) e regista (“Coma Profondo”), e dai suoi libri furono tratti svariati film (di cui però ben pochi degni di nota…)

Durante l’adolescenza ho amato moltissimo questo autore e ho sempre apprezzato la serietà con cui affrontava il genere, senza mai scadere in meri puttanai trash-ridicoli. Niente scienziati che si paracadutano nella giungla sorseggiando Martini mentre smitragliano sui cattivi con l’altra mano, niente dottoresse in bikini e stivaloni che maneggiano AK-47, niente esploratori appesi a un elicottero con le dita dei piedi: solo intriganti racconti d’avventura con tutta la loro dignità.

Caccia a un senso a tutto questo

Post domenicale d’eccezione per raccontarvi la mia (dis)avventura alla “Caccia alle librerie” di ieri.

Partita con annunci alla ingegner Cane che parlavano di 10.000 libri in palio e 100 libri ai primi 100 partecipanti, la “caccia al tesoro nelle librerie d’Italia” si è persa in un pessimo coordinamento, e alla fine ha avuto luogo grazie alla buona volontà e al lavoro dei librai.
I partecipanti erano otto, le librerie che hanno aderito solo quattro: Il Libraccio di via Candiani, il Libraccio di via Arconati, il Libraccio di via Solferino e la Libreria Mahler di via Conchetta. Tutte si sono distinte per la voglia concreta di giocare e di aiutare i clienti/utenti, mentre l’organizzazione si è distinta per la voglia di fare tutto pizza e fichi come poi è stato.

Già per l’iscrizione, infatti, ho avuto dei problemi. A via Candiani non sapevano niente (era l’ultimo giorno), erano stati informati dell’esistenza di questa caccia al tesoro ma nulla di più. Si sono subito attivati, e mi hanno mandato per email tutte le istruzioni, più la scheda in cui avrei dovuto mettere i miei dati e le risposte ai questionari (riguardanti ovviamente autori e titoli libreschi) che avrei ricevuto di tappa in tappa. Evvai!

Ora, signori della corte, io mi domando e dico: se mi danno il questionario, e io alzo il telefono e chiamo l’amico che googla a tutto spiano, che “caccia” è? Perché sprecarsi a fare domande trabocchetto, paradossi, giochi di parole, e non dare direttamente la stringa di parole chiave da far cliccare, a sto punto?
Due ragazze mi hanno assicurato che è così a tutte le cacce al tesoro: deploro pubblicamente questa generazione che sta in libreria di sabato mattina, anzichè drogarsi o guidare sbronza per il cornettoecappuccino.

La ragazza che ci ha distribuito le schede ci ha avvisati sibillina: “nel regolamento vi abbiamo avvisato di portare delle cose per aiutarvi”. Ecco appunto, il regolamento diceva esattamente questo: “potrebbero essere indicati oggetti da portare”.
Che vuol dire, ho chiesto, che se venivo col PC connesso in wireless e l’enciclopedia andava bene? Risposta: sì! …D’oh!

Ecco, da lì le cosa sono precipitate. E non che io sia più onesta (lo sono) o più sportiva (lo sono) degli altri, ma il mio cellulare aveva le pile scariche, l’ho portato così, per fargli prendere aria, per cui mi sono dovuta affidare solo al mio cervello… e a qualche scambio pietoso di copiature dove google non arrivava e i miei neuroni sì (?).

Qualche assaggio dei quesiti, alcuni davvero  carini, che ho risolto brillantemente da sola, vi sfido a fare lo stesso:

Non è quella delle parabole di Gesù né quella che raggiunse Maometto: l’autore è stato in Laguna.
Critica letteraria per peripatetici che amano la natura.
Non è un artista figurativo ma con le parole ci ha dipinto Procida.
Pagine di confronto a due: l’autore è delle Langhe, quest’anno il centenario.

Questo mi ha chiamata in causa direttamente, non potevo non risolverlo:

Un volume e un film interminabili per chi non ama il genere fantasy.

Su questo mi sono incagliata, alla fine l’ho barattato con un Hemingway e tre matite:

Il titolo con due “d”, l’autore ha un “esse”.

Alla mia risposta a questo va la palma dell’idiozia, ma prima di sfottere ricordate che voi non eravate lì e io sì, e senza google, senza l’aiuto del pubblico e senza caffè!

Un titolo con due difetti: entrambi possono impedire il confronto.

Chi scrive ha risposto: “La solitudine dei numeri primi” di Giordano. Il bello è che poi l’ho anche suggerita!

Seconda parte: l’insostenibile pesantezza del traffico.
Guardate sul tuttocittà e scoprirete che le quattro librerie citate sono quelle, in assoluto, con la massima distanza possibile tra l’una e l’altra. Non so che fine abbia fatto la famiglia bibliofila venuta a piedi, e non so cosa avrei fatto io se avessi usato la bici e non lo scarabeo che mi ha maledetta per tutta la circonvallazione.
Cari amici dell’ALI, menti sopraffine che avete ideato il tutto, mi spiegate perchè fare una caccia al tesoro privilegiando chi si affida ai motori di ricerca e non al proprio talento bibliofilo, chi conta su falò di combustibili fossili e non sulle proprie forze assetate di cultura?

Insomma, la Vostra riesce ad arrivare all’ultima stazione, tra semafori, intuizioni geniali e minchiate spaziali dove non le veniva una risposta plausibile. Consegna l’ultimo questionario in una fanfara di trionfo. Ma il libraio, quasi a scusarsi, le indica una frasetta scritta in calce al foglio, che recita: Se la tua caccia vuoi concludere devi portare in visione 3 opere tra quelle citate. (Attenzione! I libri saranno timbrati)

Cioè cosa? Devo tornare a casa, rovistare tra libri l’ultimo dei quali acquistato anni fa (sia lode alle biblioteche pubbliche) e tornare a timbrarli? corso-san-gottardo-viale-certosa andata e ritorno?

“Beh, in realtà… tutti gli altri hanno preferito COMPRARLI direttamente…”

COMPR… ho debolmente protestato che obtorto collo non compro un bel nulla e il libraio mi ha anche dato ragione. Sono uscita. Penasvo confusamente di tornare a casa e speravo di avere tre titoli da riportare al gentile libraio, insieme alla mia scheda piena di stronzate autoprodotte, per concludere quell’incubo. All’altezza di piazza XXIV maggio, ho incontrato il gatto e la volpe che mi hanno convinta a piantare  il questionario, dal quale nascerà un meraviglioso Albero delle Risposte. Così, fiduciosa, me ne sono andata al cinema.

Chi avrà vinto, alla fine?

Rullo di tamburi…

…sono online su booksweb.tv i montaggi con le interviste realizzate alla fiera del libro di Roma “Più libri, più liberi”, a dicembre.

Abbiamo viaggiato. Siamo entrate. Abbiamo importunato, domandato e filmato. Poi abbiamo scaricato. Abbiamo montato, sottotitolato, encodato, livellato gli audio, abbiamo spedito. Abbiamo atteso.

Siamo liete di offrirvi i frutti del nostro sudore: dalla home di booksweb.tv, cliccate su BOOKSPEOLE e INVIATI SPONTANEI: siamo noi!
Un grazie a tutti i partecipanti, una ola alla pazienza infinita di Zop, un “brava!” alla disegnatrice di casa, Elena, e un grande abbraccio a Federico di Fazio, compositore ed esecutore dei pezzi musicali e curatore dell’audio – se non fosse stato per lui, forse non avremmo potuto pubblicare una mazzafionda. Ora se permettete vado a ubriacarmi per festeggiare: “offro coca cola con l’aspirina a tutti, ed entro cinque minuti voglio vedervi tutti in acido!”

p.s.: se ce la faccio, lunedì pubblicherò i testi completi delle interviste sul nostro sito. Per ora, accontentatevi di rifarvi gli occhi.