Aforismi

Ipse Dixit

Attraverso le parole ognuno di noi può dare a qualcun altro la massima felicità oppure portarlo alla totale disperazione.

Robert Dilts

bivio

Neil Gaiman – Ipse Dixit

Aggiusta ciò che hai scritto. Ricorda che affinché tu possa eventualmente raggiungere la perfezione, dovrai lasciar stare, passare ad altro, cominciare a scrivere un’altra cosa. La perfezione è come inseguire l’orizzonte. Non smettere mai di muoverti.

Neil Gaiman

Leggi le altre “Regole di scrittura” di Neil Gaiman

Leggi i nostri consigli sulla creatività e la scrittura

Ipse dixit

Pianificare di scrivere non è scrivere. Abbozzare… ricercare… parlare con le persone di quello che stai facendo, nessuna di queste cose è scrivere.

Scrivere è scrivere.

E.L.Doctorow


Vai all’album: Citazioni Scrittevoli… e trova la citazione che fa per te!

Videocitazioni: Stephen King

Ipse Dixit

La prosa è architettura, non decorazione di interni.

E. Hemingway

Ipse dixit

Sognate e mirate sempre più in alto di quello che ritenete alla vostra portata. Non cercate solo di superare i vostri contemporanei o i vostri predecessori. Cercate, piuttosto, di superare voi stessi.

 

William Faulkner

Ipse Dixit

“La letteratura, come tutta l’arte, è la dimostrazione che la vita non basta.”

(Fernando Pessoa)

Goodbye, Ray

Ognuno deve lasciarsi qualche cosa dietro quando muore, diceva sempre mio nonno: un bimbo o un libro o un quadro o una casa o un muro eretto con le proprie mani o un paio di scarpe cucite da noi. O un giardino piantato col nostro sudore. Qualche cosa, insomma, che la nostra mano abbia toccato in modo che la nostra anima abbia dove andare quando moriamo, e quando la gente guarderà l’albero o il fiore che abbiamo piantato, noi saremo là. Non ha importanza quello che si fa, diceva mio nonno, purché si cambi qualche cosa da ciò che era prima in qualcos’altro che porti poi la nostra impronta.”

(Fahrenheit 451)

Ray Bradbury

22/08/1920 – 06/06/2012

Ipse Dixit (La morte di Carlos Fuentes)

“Dietro le apparenze della realtà quotidiana c’è un’altra realtà. Perché questo è il nostro problema: scoprire la realtà, aggiungendovi qualcosa di nuovo. Non riprodurre la realtà, ma aggiungervi qualcosa.”

Ipse dixit

“È la letteratura contemporanea che sta cambiando in senso egocentrico e narcisista. Un tempo la gente scriveva per superare l’io ed esplorare la cultura, l’anima e Dio. Ci sono ancora i DeLillo per fortuna, ma sono pochi. Forse è colpa della frammentarietà dell’informazione: tutti sono così insoddisfatti, bisognosi e piagnucolosi. Nessuno ha pazienza, nulla basta e alla fine non esiste più il senso del trionfo e del riscatto finale. Non aiuta il fatto che siamo stati condizionati a credere che il materialismo è la soluzione a ogni nostro male, morale e sociale.”

Toni Morrison in un’intervista al Corriere