Esordiamo!

Il sogno diventa reality

Tempo fa ho ricevuto un libro da recensire nell’ambito della rubrica “Esordiamo!“. Si tratta di un’opera atipica rispetto a quelle che abbiamo letto finora, un’autobiografia scritta da uno dei concorrenti del reality show “La pupa e il secchione”.

L’autore, Roberto Cavazzoni, ha deciso di mettere su carta la sua esperienza e pubblicarla; l’idea di recensirlo mi incuriosiva molto, perché poteva essere uno spunto per parlare di un genere particolare, quello autobiografico.

Come leggerete nella recensione, il libro presenta alcuni difetti tipici sia del racconto autobiografico, sia più generali (e, come accade spesso, imputabili all’editore più che all’autore); ma anche alcuni spunti interessanti che ho voluto sottolineare.

 Un ragazzo introverso, brillante perito elettronico che ha dedicato la vita a invenzioni e brevetti, decide di mettersi in gioco partecipando al reality show “La pupa e il secchione”. Successivamente, decide di condividere l’esperienza raccontandola in un libro autobiografico. Il risultato è “Il sogno diventa reality”, a tutti gli effetti opera d’esordio di Cavazzoni come scrittore.

Continua a leggere la recensione: Il sogno diventa reality

Recensioni da ri-segnalare

In questi cinque anni di attività abbiamo collezionato parecchie recensioni sul nostro sito: opere prime, autori celebri, autori italiani più o meno conosciuti, saggi… Tra i romanzi che ci avete inviato e quelli che abbiamo letto per interesse personale, la lista si è allungata sempre più.

Questi contenuti sono naturalmente on-line per essere consultati ogni volta che lo desiderate (qui la sezione recensioni del sito); ogni recensione è sempre stata segnalata con un apposito post sul blog con relativo link al sito.

Lo scorso gennaio, durante la migrazione verso WordPress, purtroppo sono andati perduti alcuni post del vecchio blog su Splinder; alcuni di questi post erano, purtroppo, quelli che segnalavano le nuove recensioni.

Poiché sono andati perduti i post, ma non certo le recensioni, non resta che riproporle di volta in volta (in questo modo, inoltre, gli utenti che magari ci seguono da poco possono recuperare i vecchi contenuti).

Le prime due recensioni che ri-segnaliamo sono: “Insieme nel buio e altri due racconti“, opera d’esordio di Marco Freccero; “Rotte clandestine“, antologia di racconti di due autori ben azzimati come Alberto Cola e Fabrizio Bianchini; infine, “Ai miei cari compagni“, di Luciano Bianciardi.

Buona lettura!

Venti Nodi Zero: i “nostri” autori crescono

Quando, a marzo, abbiamo presentato il reading “Venti Nodi Zero” e gli autori da noi pubblicati, li abbiamo definiti “promettenti”. Alcuni di loro erano al loro esordio, altri invece scrivevano e pubblicavano da più tempo. In ogni caso, i nostri criteri di qualità erano gli stessi, e sono felice di accorgermi che, a distanza di solo qualche mese, alcuni di questi autori hanno compiuto nuovi passi nel mondo letterario.

Vi segnalo con piacere, e anche con un po’ di immeritato orgoglio, che due “nostri” autori stanno conseguedo bei risultati.

Iniziamo con un’esordiente totale: Michaela Sebokova, che è apparsa in Venti Nodi Zero con il racconto “Quella volta al fiume”. Ho molto apprezzato quel testo e anche lo stile di Michaela, semplice ed elegante: usa una lingua, l’italiano, che non è la sua lingua madre.

Michaela posa accanto all’illustrazione del suo racconto, al reading Venti Nodi Zero

Bene, Michaela ha appena vinto il Premio Speciale Slow Food, nell’ambito del Concorso Nazionale “Lingua Madre”.

Il suo racconto, Il profumo della domenica, è stato premiato per la capacità di aver creato una storia di e fra donne in cui il cibo interseca i momenti bui, fa riaffiorare i ricordi, interpreta il presente, mostrandosi sempre in grado di unire le persone.

Michaela premiata al Concorso Lingua Madre

A Michaela vanno i nostri complimenti e anche un sentito ringraziamento per averci citate, e aver citato me personalmente come suo”sostegno”: lo ha fatto durante il suo discorso, nel corso della premiazione avvenuta al Salone del Libro di Torino 2012 (la lettura del suo racconto: dal min. 33.20 al 38.09).

Michaela Sebokova è stata anche intervistata, in merito al suo racconto premiato, su “Il Giornale di Vicenza”. Il pezzo è abbastanza confuso e mal formattato, ma il messaggio dell’autrice è chiaro e molto bello:

Voglio dire agli stranieri come me, che vivono in Italia, di non vergognarsi di avere ricordi diversi, perché questi arricchiscono.

…Al nostro prossimo reading, cara Michaela, voglio una bella ricetta slovacca al tavolo del buffet! ^_^

Il secondo autore a cui facciamo le congratulazioni è Alain Voudì, che dopo diversi racconti pubblicati, tra cui “Un mondo che svanisce” su Venti Nodi Zero, è ora tra i cinque finalisti del premio Stella Doppia di Mondadori, il cui vincitore verrà pubblicato nella collana degli Urania.

Una foto recente di Alain Voudì

Bravi! E non siete i soli: in Venti Nodi Zero ci sono ben nove racconti … leggete il nostro editoriale e richiedeteci pure copie cartacee per scoprirli.
Noi di Studio83 siamo editori esigenti. Aspettiamo al varco anche gli altri “nostri” sette, con premi, pubblicazioni e tante soddisfazioni. Fateci sapere!

Novedodici

Segnalo una nuova recensione on-line sul nostro sito, relativa all’iniziativa “Esordiamo!”: questa volta abbiamo letto e commentato il romanzo “Novedodici” di Michele Rescio, un giallo dalle sfumature particolari.

Opera d’esordio di Michele Rescio e pubblicato in ebook dalla casa editrice Libertà Edizioni, “Novedodici” prende in prestito la struttura del giallo classico (risoluzione di un caso di omicidio) per analizzare, più nello specifico, il dramma vissuto dal figlio dell’anziana vittima, Paolo, protagonista dell’opera. Continua a leggere la recensione

Il mare di spalle

Per la rubrica “Esordiamo!” abbiamo letto e recensito “Il mare di spalle” di Antonio Sofia, romanzo ambientato in una città del Meridione, ispirato a un fatto di cronaca realmente avvenuto e pubblicato circa un anno fa dalla casa editrice Autodafé. Si tratta di un’edizione ben curata e, a giudicare dal catalogo di Autodafé, fa parte di un progetto editoriale con una sua identità geografica e culturale.

Ambientato in una non meglio specificata città del Meridione, “Il mare di spalle” mette in scena lo spaccato di vita di un gruppo di ragazzi adolescenti, cucendo insieme scene di vita quotidiana che si succedono fin quando il filo rosso che le lega non viene fuori in tutta la sua drammaticità. La città senza nome è uno sfondo vivido, così come i protagonisti, realistici nella loro normalità (Continua a leggere la recensione)

“Mastodon” di Nox A.M. Ruit – Recensione

Nuova recensione per “Esordiamo!”: “Mastodon”, gigantesca opera prima di Nox A.M. Ruit.

Mastodon Recensione

“Mastodon”, opera prima di Nox A.M. Ruit, può essere definito fantasy a sfondo storico: è ambientato nell’impero romano un paio di secoli dopo Cristo, in un mondo in cui gli dei Olimpici si sono manifestati tra i mortali, “toccando” dei prescelti (o malcapitati, che dir si voglia) e mutando con questa epifania il corso della storia che conosciamo.

Continua a leggere la recensione

“L’oblio della ragione” di Chiara Vitetta – Recensione

È on-line una nuova recensione per la rubrica “Esordiamo!”: si tratta de “L’oblio della ragione” di Chiara Vitetta, una breve antologia di due racconti.

read more

“Prima che il mondo cominci a bruciare” di Federico Crosara – Recensione

Come avrete notato, il nostro sito web è passato attraverso un’altra rivoluzione. E quale modo migliore per celebrare la nuova grafica se non quello di continuare il nostro lavoro? Vi segnalo quindi una nuova recensione per la nostra fortunata rubrica “Esordiamo!”: un giudizio su “Prima che il mondo cominci a bruciare”, opera prima di Federico Crosara.

Luca, venticinque anni ed ex militare di stanza in Africa, si ritrova a vivere nel mezzo dell’italica gioventù: quella del precariato, privata di un futuro e, per questo, condannata a vivere un’eterna infanzia fatta di relazioni umane altrettanto precarie e instabili.

Leggi la recensione

Ritorno a Ventimiglia

Purtroppo il titolo del post non è una mia dichiarazione d’intenti, ma quello del nuovo romanzo recensito per Esordiamo!: opera prima di Stefano Pastor e vincitore del concorso letterario Città di Ventimiglia, Ritorno a Ventimiglia è finito tra le mie grinfie e sono contenta di annunciare una recensione positiva.


Ventimiglia, patria del Corsaro Nero… Fatemela sognare un po’, su.

[…] l’opera d’esordio di Stefano Pastor racconta, come da titolo, il ritorno a Ventimiglia di Gerardo, fuggito all’estero per allontanarsi da una famiglia emotivamente disastrata e tornato per partecipare al funerale della madre. Lo accompagna Choi, bimbo thailandese la cui paternità sarà un punto interrogativo per tutto il romanzo.

Leggi la recensione

 

PS
Ricordiamo anche qui che, in seguito alla ristrutturazione del nostro sito, i link alle recensioni sono cambiati. Chiunque li dovesse aggiornare può trovarli qui!

L’anima delle cose

Ciao a tutti! Dopo la controversa recensione all’altrettato controverso romanzo di Vito Introna “Vorrei che il cielo fosse imparziale” (che è ora anche sul sito) è oggi online la recensione al romanzo d’esordio di Josafat Farroni “L’anima delle cose” di Evoé Edizioni. La recensione, opera mia, è negativa e per saperne di più non dovete fare altro che continuare a leggere.

read more