menu

I consigli di scrittura di Alberto Cola

Sabato 21 maggio abbiamo incontrato Alberto Cola a Bologna dove alla tavola imbandita di un ristorante greco si è svolta la prima Dodocon della storia!

Oltre a ritrovarci dopo tanti mesi, spettegolare allegramente e goderci la squisita compagnia del nostro amico (immaginario?) Harrison Ford, che vedete in foto, abbiamo anche parlato di scrittura.

Qui mentre si versa da bere! Jamas!

E come potevo lasciarmi sfuggire l’occasione di estorcere ad Alberto, autore affermato e plurigenere, qualche consiglio di scrittura in esclusiva per i lettori di Studio83?

Post sulla scrittura

loghetto Primo consiglio di scrittura.

Bisogna essere curiosi. Per scrivere bene bisogna essere attenti, presenti, osservatori, ascoltatori. Il mondo che ci circonda è un ottimo luogo dal quale prendere le storie.

loghetto Secondo consiglio di scrittura.

Il talento non esiste, esiste il lavoro. Lasciamo da parte tutto il resto: i discorsi pomposi sull’ispirazione, ma anche gli sterili paragoni sulla fortuna editoriale degli altri.
“Talento? – ha detto Alberto, con un’alzata di sopracciglia – Prima lavora!”
Il talento è la ciliegina sulla torta, che ha un senso se poggia su una base solida e ampia (base che già da sola può bastare per essere un bravo professionista!).

loghetto Terzo consiglio di scrittura.

Non pensare alla storia, pensa al personaggio. Un buon personaggio è un elemento importantissimo, che può dare una svolta a una storia, crearla da solo, e che sicuramente è un ottimo lasciapassare per la mente e il cuore del lettore. Per dare forza a questo terzo consiglio, Alberto ha citato un titolo preciso: “Ogni cosa al posto giusto” di Alessandro Morbidelli, nel quale il protagonista è un personaggio letterario indimenticabile.

E anche Alberto ha creato da poco un personaggio forte, che di certo popolerà la fantasia di molti piccoli e grandi lettori: Asad, il giovane tuareg che affronta un epico viaggio nel desrto per salvare il suo popolo dalla siccità, e provare le sue qualità di capo predestinato. “Asad e il segreto dell’acqua è uscito da poco per Piemme e sta già diventando un piccolo caso editoriale, come dimostrano gli avvistamenti in tantissime librerie e i post della pagina Facebook di Asad, con tanti lettori in azione.

Asad ha anche un’altra particolarità: è un libro ad alta leggibilità, pubblicato cioè con un font accessibile anche a chi ha difficoltà legate a dislessia e bisogni educativi speciali (DSA e BES in gergo tecnico). Il font va bene per loro e va bene per tutti!, dato che è pulito, ampio e semplice da leggere.
Avevamo già incontrato Sinnos qualche tempo fa e siamo felici di scoprire questa convergenza virtuosa con Piemme!

E ringraziamo di tutto cuore Alberto, vero ospite speciale della nostra Dodocon, per la bella giornata passata insieme e per i suoi tanti, preziosi consigli.

Harrison scatta. I più belli siamo noi!

Condividi il post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *