CONTEST: Storie per un futuro possibile (e come immaginarle)

Condividiamo oggi la notizia di un contest che ci sembra molto interessante, incentrato sui temi e gli obiettivi dell’Agenda 2030 e dedicato a storie brevi destinate a diventare podcast.

Si tratta di un concorso promosso dalla Fondazione UNIPOLIS in collaborazione con PODCASTORY, dal titolo “17 storie per il 2030″.

L’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, il programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità sottoscritto nel 2015 dalle Nazioni Unite, chiama all’azione tutti i Paesi e tutte le componenti della società civile – dalle imprese private al settore pubblico, dalla società civile agli operatori dell’informazione e cultura fino al singolo cittadino – per garantire un futuro possibile. A meno di dieci anni al 2030, diventa sempre più urgente sensibilizzare e responsabilizzare le persone sulla necessità di partecipazione e impegno comune per poter realizzare questa ambiziosa sfida. 

Sulla scia di questo proposito, Fondazione Unipolis desidera intercettare e condividere le riflessioni della comunità su come immagina di poter trasformare il mondo secondo gli SDGs. Per farlo, ha deciso di rivolgersi a Podcastory – la prima podcast factory italiana, al lavoro in sinergia con la Fondazione per la realizzazione del progetto. 

Dal post 17 storie per il 2030 – Fondazone Unipolis

Ecco i contest attivi con scadenza 12 dicembre, basta cliccare sul titolo per visualizzare condizioni e regole di partecipazione:

GOAL 4 – ISTRUZIONE DI QUALITÀ   

GOAL 8 – LAVORO DIGNITOSO E CRESCITA ECONOMICA 

GOAL 9 – IMPRESE, INNOVAZIONE E INFRASTRUTTURE 

GOAL 12 – CONSUMO E PRODUZIONE RESPONSABILI 

Ed ecco le semplici e stringate istruzioni di partecipazione:

  • Leggi il brief del contest che ti interessa e scarica il regolamento 
  • Scrivi la tua storia e salvala in pdf 
  • Caricala sul form nella pagina del contest selezionato compilando tutti i campi 
  • Iscriviti al Contest con la mail che leggi regolarmente e attendi l’esito 
  • I vincitori vedranno la propria storia tramutata in un podcast ​

Le amiche di Podcaststory ci hanno detto qualcosa di più, lo condividiamo volentieri sperando di essere utili:

Per noi è importante il focus sulle soluzioni: dovrà descrivere con chiarezza delle soluzioni o delle invenzioni capaci di migliorare il mondo futuro in tal senso. Non ci interessano racconti astratti, ma soluzioni reali, anche se immaginate.

E se hai bisogno di idee per costruire scenari futuri e auspicabili, il consiglio è quello di fare un giro sul portale solarpunk.it!

Il solarpunk è un nuovo genere letterario, figlio della fantascienza, che si concentra sull’immaginare un futuro migliore, ecologico, inclusivo, equo, e i modi per arrivarci davvero, a partire da ciò che possiamo fare subito.

Il portale solarpunk.it (che vede Giulia Abbate nel team di fondator*) vuole divulgare il solarpunk in Italia attraverso traduzioni, interventi critici, promozione di iniziative interessanti e buone notizie, articoli originali e idee per chi vuole scrivere fantascienza.

Ti segnaliamo in particolare la rubrica SEMI – Idee per scrivere solarpunk. Si tratta di una serie di piccoli post in cui si comunicano invenzioni, notizie scientifiche e novità interessanti, per dare a chi scrive nuove idee, come appunto recita il sottotitolo. In un ambiente in cui tendenzialmente ci si tiene strette le cose per essere i primi a scriverle (anche comprensibilmente, dato che la fantascienza è ad alto rischio di essere superata dalla realtà) riteniamo che sia qualcosa di nuovo e che possa essere molto utile!

Bando ai tentennamenti, quindi, il futuro ha bisogno anche di noi scrittrici e scrittori: nulla si costruisce senza prima immaginarlo!

E se hai bisogno di una mano, c’è Studio83!
Il nostro servizio di editing per concorsi è pensato per aumentare le tue possibilità e aiutarti a scrivere la storia che hai in mente, per il concorso a cui vuoi partecipare.
Presto riapriremo il modulo delle richieste, continua a seguirci!

Condividi il post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *