libri

Leggere fantascienza oggi – Intervista a “Leggere Distopico”

Un venerdì bomba, quello di oggi! Sì, perchè abbiamo intervistato niente meno che l’intero staff di un gruppo di lettori e blogger che sta andando forte: Leggere distopico.

Decine di libri segnalati a settimana, recensioni sempre nuove, rubriche interessanti e centinaia di membri e followers, in continuo aumento.

Perché proprio loro?

Il gruppo Leggere Distopico, nato da una passione personale della creatrice Liliana Marchesi e poi da un blog aperto per hobby intorno al quale si sono radunati gli altir membri dello staff, è secondo noi una dimostrazione interessante che i lettori ci sono… e possono anche lottare insieme a noi!

Bisogna però riconoscerli e trattarli in modo diverso da quello che invece si fa di solito.

I lettori non sono un popolo bue, tanto per cominciare: sono persone spesso molto preparate, consapevoli, con loro gusti e preferenze personali. E in ogni caso, chiunque essi siano, hanno tutto il diritto di premiare titoli che a noi “produttori” paiono titoli “di cassetta”, e penalizzare proposte più blasonate.

Allo stesso tempo, non sarebbe giusto considerarli come “superiori” ai chi li libri li fa: non serve bombardarli di richieste e segnalazioni, o sperare che siano loro e solo loro a decretare l’immediato successo di un testo.

Bisogna comunicare. Relazionarsi. E prima di questo, bisogna voler conoscere, capire, ascoltare.

Noi ci abbiamo provato. E quello che abbiamo ascoltato ci è piaciuto moltissimo.

Partiamo con le domande!

Continua a leggere il post




I migliori romanzi del 2017 secondo il Chicago Review of Books

Buongiorno, e buon anno!

Apriamo il 2018 alla grande con un post tradotto dalla prestigiosa rivista statunitense Chicago Review of Books, nella quale gli editor segnalano quali sono secondo loro i migliori titoli di fiction usciti nel 2017.

Liste ne abbiamo lette diverse (non escludiamo di tradurne e proporvene altre): abbiamo scelto questa per diversi motivi.

Il Chicago Review è oggettivamente un indicatore della critica letteraria e dei trend dei romanzi in lingua inglese, trend che anche gli editori e gli agenti italiani seguono.

Inoltre, ci sono titoli interessanti, che non ci si aspetterebbe da una redazione “paludata”, inclusi a pieno titolo nella lista dei “titoli di fiction” con una apertura e una profondità di visione che al contrario, ahimé, è forse meno imitata. Continua a leggere il post




Come nasce un’antologia? – Il mestiere del curatore, di Gian Filippo Pizzo

Nel nostro blog abbiamo più volte pubblicato consigli per scrittori, appunti di editing e articoli su come scrivere bene e su come funziona il mondo dell’editoria.

Ci concentriamo oggi su un argomento che ci mancava, e che riguarda molto da vicino chi scrive racconti e chi vuole partecipare a concorsi letterari o ad antologie collettive.

Come nasce un’antologia? Come si lavora su un progetto collettivo? Come si arriva da un racconto a una raccolta completa e pubblicabile?

Ce lo ha raccontato un maestro della curatela: Gian Filippo Pizzo, che con le sue raccolte collettive di racconti ha dato un grande impulso alla fantascienza italiana e molto spazio espressivo a nuove leve di autori e autrici, tra le quali ci siamo anche noi!

Lasciamo la parola a lui, che in questo intervento ci racconta cosa succede dietro le quinte e come si crea un’antologia, lavorando insieme a scrittrici e scrittori, con un progetto in mente e con regole utili e precise di lavoro e di condotta.

Come nasce un’antologia?

Molto spesso durante le presentazioni librarie mi viene chiesto come faccio a curare le antologie, qual è la procedura seguita per arrivare al prodotto finito, cioè il libro. Ho dunque deciso di metterlo per iscritto.

La prima cosa è l’idea, cioè l’argomento che i racconti devono affrontare. Continua a leggere il post




L’esorcista – Recensione

La trama la conosciamo tutti grazie al bellissimo film che Friedkin trasse dal romanzo qualche anno dopo, scrivendone la sceneggiatura assieme allo stesso Blatty: Regan MacNeil, figlia di una celebre attrice, inizia a manifestare strani sintomi e la madre viene rimbalzata tra medici e psichiatri che riempiono la bambina di medicine senza venirne a capo. Sempre più convinta che l’origine del male di Regan sia soprannaturale, e temendo che la bambina abbia commesso un omicidio, la donna supplica lo psichiatra gesuita Damien Karras di praticare un esorcismo…

CONTINUA A LEGGERE LA RECENSIONE




I libri – Ipse Dixit

I libri ci danno un diletto che va in profondità, discorrono con noi, ci consigliano e si legano a noi con una sorta di familiarità attiva e penetrante.

(Fernando Pessoa)

Zemanta Related Posts Thumbnail




Cosa sono i libri? – Ipse dixit

I libri sono stati i miei uccelli e i miei nidi, i miei animali domestici, la mia stalla e la mia campagna; la libreria era il mondo chiuso in uno specchio; di uno specchio aveva la profondità infinita, la varietà, l’imprevedibilità.

(Jean-Paul Sartre)




Consigli di lettura per appassionati di… calcio!

Chi ha detto che i calciofili non possono essere anche… bibliofili? Nella vita ne ho incontrati molti che hanno unito la passione per questo sport con quella per la lettura e per la scrittura, leggendo e producendo romanzi o racconti a tema. Il calcio, inoltre, è un elemento molto radicato in diverse culture popolari (come in Sudamerica, dove è parte integrante dell’identità di ogni paese, città e quartiere).

Ecco a voi, quindi, alcuni consigli di lettura per gli appassionati di calcio, letti e commentati per voi.

 

Zona Cesarini, Luca Pagliari (Tascabili Bompiani 2006)

“La cosa che assomiglia di più alla vita? Un campo di calcio. Lì ci sono tutti i miei personaggi” diceva Renato Cesarini, campione dalla vita romanzesca che ha dato il nome alla celebre espressione. Luca Pagliari racconta l’incredibile storia di Cesarini, leggenda in Italia e in Argentina, ma anche la storia degli italiani, figli di emigrati in Sudamerica, che facevano la spola tra i due continenti.

Continua a leggere il post




Recensione: “La scampagnata” di Andrea Campucci

Come abbiamo detto tempo fa sulla nostra pagina Facebook, al momento la ricezione dei romanzi da recensire è sospesa per smaltire le opere in coda (preferiamo chiedervi di aspettare a spedire piuttosto che lasciarvi quattro o cinque mesi in attesa).

Procediamo, però, con la pubblicazione delle recensioni già richieste nei mesi scorsi. La prima è quella de “La scampagnata”, romanzo di Andrea Campucci: una black comedy su cui ho dato un giudizio molto positivo, perché si è rivelata una bella lettura. Per citare il giudice di un celeberrimo talent show musicale, autore e opera mi sono sembrati “credibili” e mi hanno “convinto”.

 

Leggi la recensione de “La scampagnata” di Andrea Campucci




Booktrailer, cosa ne pensate?

Negli ultimi anni si è affermata una nuova forma di promozione dei libri: il booktrailer. Si tratta di “spot” che mescolano il linguaggio letterario e quello cinematografico, in particolare lo strumento del “teaser”, che presenta un film estrapolandone le immagini più accattivanti e le monta in modo da accattivarsi la curiosità dello spettatore (che, di conseguenza, decide di vedere la pellicola per saperne di più).

Il booktrailer traduce in immagini un romanzo, facendo leva sull’immediatezza multimediale dell’opera audiovisiva invece che sull’evocazione della lettura. I risultati sono spesso molto carini, soprattutto perché creare un booktrailer lascia ampio spazio alla fantasia e alla creatività. Come trasporre il libro in immagini? Cosa inventarsi per renderlo originale?

(il booktrailer realizzato dallo staff di CastelloVolante Editore per la nostra antologia di racconti, “Lezioni sul domani)

Quale esperienza avete con i booktrailer? Ne avete mai realizzato uno, o qualcuno lo ha realizzato per il vostro libro? Parlatecene e, se volete, lasciate nei commenti il link al vostro video! 🙂




Consigli di lettura

A poche ore dal primo di agosto, ecco qualche consiglio di lettura che renderà sicuramente il caldo più sopportabile. Romanzi e saggi da mettere in valigia… o nella SD del tuo ebook reader, naturalmente!

Haruki Murakami, Nel segno della pecora, Einaudi 2011

Un agente pubblicitario, abbandonato dalla moglie e accanito fumatore, si vede affidato suo malgrado un compito assurdo: ritrovare una pecora con uno strano segno sul manto. Tra ambientazioni ricche di atmosfera, un cast di personaggi surreali e un Giappone dal volto multiforme sullo sfondo, Murakami racconta a modo suo il rito di passaggio tra la fine dei vent’anni e il compimento del fatidico trentesimo anno d’età.

 

Philip K. Dick, Mary e il gigante, Fanucci 2007

Joseph Schilling si trasferisce a Pacific Park, cittadina della provincia californiana, e apre un negozio di dischi. È il 1953 e l’unico punto di contatto tra la comunità bianca e quella nera sembra la musica: è così che Mary Anne, ventenne dalla famiglia disastrata, inizia una relazione col cantante di colore Carleton Tweaney. La vita di Schilling e quella di Mary si intrecceranno a loro volta a causa di una coppia di squilibrati che perseguitano l’uomo, scovandolo anche nella quieta Pacific Park.

“Mary e il gigante” è uno dei romanzi mainstream di Philip K. Dick, pubblicato postumo negli anni Ottanta ma scritto in gioventù. Forse non è il più riuscito, ma ha più di un momento che vale l’emozione della lettura, dalle atmosfere della California degli anni Cinquanta alla figura del “gigante”, che l’autore finge di suggerire, ma nasconde in modo toccante fra i ricordi della protagonista.

 

Richard Matheson, Io sono leggenda, Fanucci 2007

Essere l’ultimo uomo sulla Terra non è facile. Lo sa bene Robert Neville, protagonista del più famoso romanzo di Richard Matheson, grande autore scomparso di recente. In un mondo popolato dalla nuova, terribile specie dei vampiri, Neville deve appellarsi al più profondo istinto di conservazione per proteggere se stesso e tirare avanti.
Per chi non lo ha mai letto, è ora di farlo; per chi lo ha letto tanti anni fa, è ora di riscoprirlo.

 

Patrick Boylan, Progressisti in divisa, Megachip 2013
Sempre più guerre e sempre meno gente in piazza a contestarle: come mai?  “Perché chi sarebbe contrario alle guerre si è lasciato manipolare e disorientare, questo spiega il suo disimpegno”, scrive Patrick Boylan, già penna di Venti Nodi, nel suo nuovo ebook che esce a puntate online per la rivista Megachip. Argomentazioni forti, documenti originali tradotti, ma anche visioni di un futuro diverso, tramite una strategia di “pacifismo preventivo” che può essere alla portata di tutti noi.
Buona lettura!