Il complemento di vocazione – Appunti di editing

Tempo fa, su Facebook, circolava un’immagine scherzosa ma interessante che illustrava le conseguenze di un errore molto frequente tra gli scrittori esordienti: l’assenza della virgola prima del complemento di vocazione.

L’immagine mostrava due frasi:

“Voglio mangiare nonna.”

“Voglio mangiare, nonna.”

Con una conclusione: una virgola può salvare una vita!

Sei salva, nonnina!

Scherzi a parte, l’assenza della virgola prima del complemento di vocazione è un errore in cui mi imbatto davvero di frequente, ed è anche un errore molto grave. Senza virgola, infatti, il complemento di vocazione diventa complemento oggetto, stravolgendo il senso della frase.

“Ascolta, Maria!” [sto invitando Maria ad ascoltarmi]

“Ascolta Maria!” [sto invitando il mio interlocutore ad ascoltare ciò che dice Maria]

Ricordiamo quindi di porre molta attenzione a questo aspetto: ogni volta che abbiamo un dubbio, un’attenta analisi logica di ciò che abbiamo scritto ci aiuterà a non cadere in errore.

Condividi il post