Studio83 @Stranimondi: report e immagini

Sabato 11 settembre e domenica 12 settembre c’è stata a Milano la convention Stranimondi, dedicata al libro fantastico e alla letteratura di fantascienza, fantasy, horror, weird, etc.
Noi abbiamo partecipato, liete di poterci ritrovare di persona, prendendo parte anche a panel specifici e incontri letterari.

Sabato 11 settembre, ci sono stati due incontri animati anche da noi.

Alle 16:00 in “Per una bussola del fantastico” si è parlato di generi letterari ed etichette editoriali: Giulia Abbate è intervenuta insieme a Giorgio Raffaelli (Edizioni Zona42), Silvio Sosio (Delos Digital edizioni) e Silvia La Posta (Moscabianca Edizioni).

Silvio Sosio, Giulia Abbate. foto da solarpunk.it
Giulia Abbate. Giorgio Raffaelli, Silvia La Porta. foto da solarpunk.it

La discussione verteva sulla necessità delle etichette e sul fatto che, negli ultimi tempi, il proliferare di definizioni rischia di creare tante piccole enclave e di confondere e frammentare un ambiente che dovrebbe sempre avere dei canali di contatto reciproci. I pareri sono stati anche discordanti, e il pubblico ha contribuito attivamente al confronto.

Alle 17:00, Elena Di Fazio ha partecipato con Franco Forte a “Temponauti e resurrezioni”, il panel dedicato all’Urania Mondadori, in qualità di vincitrice dell’ultima edizione del Premio Urania. Insieme a lei, due finaliste dell’Urania Short e il traduttore Salvatore Proietti, prefatore dell’ultimo Millemondi “Temponauti”.

Franco Forte parla della fantascienza italiana e dei progetti Mondadori.

Franco Forte ha raccontato il lavoro e le linee e tendenze Urania per la prossima stagione, concentrandosi su un panorama italiano ora molto vivo e promettente, di cui le autrici presenti sono state una bella dimostrazione. Si è svelata poi in anteprima la copertina di “Resurrezione”, romanzo Premio Urania di Elena Di Fazio, che uscirà in tutte le edicole a novembre 2021.

Elena Di Fazio con la targa del Premio Urania 2020.

Alle 18:00, abbiamo partecipato a un momento dolceamaro.

C’è stata la consegna dei Premi Italia già assegnati, sia per il 2020 (contrassegnato da eventi solo online) sia per il 2021. Abbiamo avuto il piacere di ritirare:

  • Il Premio Italia 2020 per la miglior collana di fantascienza a Futuro Presente, da noi curata
  • Il Premio Italia 2020 per il miglior articolo su spazio non pro, per “La tesi dell’apostolo cattivo”, scritto a quattro mani e pubblicato sul nostro blog di fantascienza Lezioni Sul Domani (puoi leggerlo qui!)
  • Il Premio Italia 2021 per il miglior articolo su spazio non pro, per “Donne e fantastico di Giuliana Misserville”, scritto da Giulia Abbate e pubblicato su La Bottega del Barbieri (puoi leggerlo qui).

Dopodiché, è stato proclamato il romanzo vincitore del Premio Odissea di quest’anno: si tratta di “Blu Espero” di Luigi Rinaldi. Essendo state noi parte della pregiuria che ha selezionato i romanzi finalisti, facciamo i complimenti a tutti: vincitore, finalist*, partecipanti tutti e tutte. Il livello generale dei testi che abbiamo vagliato è stato più che buono, le idee molto interessanti, la sensibilità “fantastica” davvero spiccata. Bravi, brave!

Poco dopo, abbiamo assistito alla commemorazione dedicata a Stefano Di Marino, che è morto a metà agosto, all’improvviso e per propria decisione, lasciando sgomento e addolorato l’intero mondo degli appassionati.

Domenica 12 settembre, doppio panel per Giulia Abbate (che vi scrive) in qualità di moderatrice.

Alle 12:30 ha condotto “La rete della fantascienza sostenibile”: un incontro e confronto tra le realtà del solarpunk italiano: il Commando Jugendstil, rappresentato da Laura CZ Domingues e Guglielmo Miccolupi, le edizioni Future Fiction nella persona di Francesco Verso e la collettiva Solarpunk Italia rappresentata dal fondatore Franco Ricciardiello.

da remoto: Laura CZ Domingues e Gugliemo Miccolupi. Di persona: Francesco Verso, Franco Ricciardiello e Giulia Abbate. Foto da solarpunk.it

Incontro denso di contenuti, e anche partecipato dal pubblico: è stato bello poter riunire in un solo posto e tempo tre gruppi di lavoro che tanto stanno facendo, ognuno con la propria specificità e affrontando aspetti precisi, per la divulgazione e la pratica di questo nuovo genere letterario, il solarpunk, che tanto ha da dire e da dare qui e ora.

Dopo il panel! Ore 13:30, pubblico affamato ma presente e resistente fino all’ultimo! – foto di Francesco Verso.

Alle 14:40, sempre Giulia Abbate ha presentato “Dal weird alla distopia, nuove collane e nuove proposte Delos Digital” insieme a Silvio Sosio, Luigi Pachì, Delos Veronesi, Giorgio Smojver, Sandro Battisti, le collane del fantastico di Delos Digital editore. Giulia Abbate è infatti responsabile della comunicazione di Delos Digital, e in questa convention si è occupata anche di condividere foto, contenuti, informazioni e impressioni dalle pagine dell’editore che è tra i fondatori di Stranimondi e pilastro del fantastico italiano.

Giulia Abbate. Giorgio Smojver, Silvio Sosio, Luigi Pachì, Sandro Battisti, Delos Veronesi. Foto di Irene Drago.

Ma gli eventi sono stati molti di più, e vi abbiamo partecipato all’ascolto: Stranimondi è un momento importante anche per questo, un’occasione di approfondimento e confronto davvero inestimabile. Ecco quindi di seguito qualche scatto delle presentazioni alle quali abbiamo assistito.

“Editori di fantascienza e dove trovarli”: edizioni 451, Delos Digital, Future Fiction, Zona42
“Fantascienza, un genere femminile”, con Laura Coci e Romina Braggion
Edizioni 451 con Simone Bonaccorso e Giorgio Gianotto
“Fantafascismo”, con Nico Gallo e Walter Catalano. Foto da solarpunk.it

Ultimo ma non ultimo, per noi è stato molto bello incontrare colleghe e colleghi con i quali la cordialità, man mano che passa il tempo, cede il passo a un vero e proprio sentimento di amicizia e di affetto.

il #dodoteam: Elena, Alberto Cola, Giulia
Premi Urania in rassegna: Alberto Cola, Elena Di Fazio, Francesca Cavallero, Davide Del Popolo Riolo
con Romina Braggion
con Franco Ricciardiello
Con Mariana Marenghi, della libreria indipendente Il Covo della Ladra
Fondator* della collettiva solarpunk: Silvia TReves, Romina Braggion, Giulia Abbate, Franco Ricciardiello
Irene Drago, Giulia Abbate. Elena Di Fazio, Ksenja Laginjia – Foto di Lukha B. Kremo
E questa? Si tratta della illustrazione di Maurizio Manzieri della locandina del Loving The Alien Fest che si terrà sabato 18 e domenica 19 settembre a Torino, al Museo della Fantascienza. Ci saremo anche noi!
Ksenjia Laginja è l’artista ospite di quest’anno: sua l’illustrazione della sesta edizione di Stranimondi (ed è la prima donna in sei edizioni!)
Ed eccoci nella tradizionale foto ricordo di fronte all’entrata! Anche quest’anno è andata 😉

Siamo molto felici per com’è andata. L’anno non è dei migliori in generale, l’accesso con green pass non ci esalta (tutt’altro) e insieme al numero contingentato ci ha impedito di ritrovare molti amici. Speriamo che la prossima edizione sia completamente aperta, e che la passione di sempre sia supportata da un numero di partecipanti numeroso e motivato…. ma in effetti, passione e partecipazione sono una costante e il punto di forza di questa rassegna.

Illustrazione di CBVP Virtual Photography

Condividi il post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *