menu

La concordanza dei tempi (o consecutio temporum) – Appunti di editing

La concordanza dei tempi verbali è l’insieme di regole che determinano l’uso di modi e tempi dei verbi, nella relazione tra proposizione principale e subordinata.

Viene anche detta consecutio temporum (io ad esempio la chiamo così!) in ossequio alla lingua latina, nella quale le regole da seguire in questo ambito sono molto precise e rigide.

La consecutio temporum è uno dei punti deboli maggiori dei manoscritti esordienti che leggo, e mi capita spesso di dover segnalare errori riguardanti proprio la mancata concordanza dei tempi e modi verbali.

Il concetto su cui soffermarsi è la relazione tra i due verbi (principale e subordinato) e il tempo. A seconda dei diversi casi e del discorso, bisogna tenere conto della relazione tra le azioni descritte dai due verbi.

Quando il verbo della subordinata descrive un’azione avvenuta prima rispetto a quello della principale, c’è una relazione di anteriorità.

So che ho concordato bene il verbo.

Quando le azioni avvengono simultaneamente, siamo in relazione di contemporaneità.

Noto che anche tu concordi bene il verbo.

Quando l’azione della subordinata deve ancora accadere o accade dopo, c’è una relazione di posteriorità.

Immagino che entrambi concorderemo bene il verbo.

Il concetto è lo stesso quando il tempo della principale è al passato, sia un passato prossimo, un imperfetto, un passato remoto o un trapassato.

Quando ebbi capito che non avevo concordato bene quel verbo, mi rimisi a studiare.
(Qui c’è un rapporto di anteriorità con il verbo principale al trapassato remoto e quello subordinato al trapassato prossimo.)

Post sulla scritturaPer essere sicuri di rispettare le regole di concordanza, bisogna sempre chiedersi se il verbo principale regge il congiuntivo o l’indicativo (e prestare molta attenzione all’uso dei trapassati: un altro grande punto debole che incontro spesso!).

Ora, ecco alcuni esempi di come concordare i verbi quando il tempo principale è al passato.

Sapevo che avevo concordato bene quel verbo.
(Anteriorità)

La maestra mi riferì compiaciuta che concordavo bene i verbi.
(Contemporaneità)

Il mio editor aveva sperato con tutte le sue forze che avrei concordato bene i verbi.
(Posteriorità)

Questi esempi, nota bene, li ho fatti apposta con un verbo che regge l’indicativo. Con un verbo che regge il congiuntivo la cosa si complica… o si fa affascinante!

Verbo principale al presente:

Supponi che tu abbia concordato bene il verbo,

e dai per scontato che anche ora tu concordi perfettamente tutto.

Tutto indica che concorderai bene anche in futuro… complimenti!

Verbo principale al passato:

Suppose che avesse concordato bene. Fu assolutamente certo di farlo in quel momento, certo che concordasse bene il verbo, proprio ora… si ripromise che l’avrebbe concordato perfettamente, per sempre, e che non avrebbe mai sbagliato, come si ricordò improvvisamente che aveva fatto cinque minuti prima!

Che succede con un verbo secondario coniugato al passivo?

Il verbo spera che ieri sia stato concordato bene, proprio come sa di essere concordato a meraviglia in questa stessa frase. Si augura che sarà trattato bene anche nella prossima!

Anche in passato, il verbo ha avuto di che pensare:

Il povero verbo sperava che fosse stato concordato bene (e sosteneva che lo era stato). Certo, era pronto a giurare che qui e ora era usato bene, ma non c’era da scommettere che sarebbe stato considerato sempre nello stesso modo…

Non deludere il buon verbo!

Per concordare nel modo giusto i tempi e i modi, devi prestare attenzione alle due componenti che ti ho evidenziato, più una:

  1. la relazione tra le azioni: il tuo verbo principale parla di una cosa successa prima? Oppure accade tutto nello stesso momento? O sta prefigurado una cosa che avverrà in un momento successivo a quello della sua enunciazione?
  2. La valenza e reggenza del verbo principale: ovvero, come si lega al secondo verbo e come ne determina il modo. (Ad esempio: “credo” regge generalmente il congiuntivo a meno di affermazioni molto assertive. “Dubito” regge sempre il congiuntivo)
  3. Meno dogmatico, ma ugualmente importante: l’inflessione e l’intenzione nel pronunciare la frase, come nel caso appena citato relativo al verbo “credo”.
    Esempio: “Penso che lei ha ragione” si può dire nel momento in cui si esprime una sicurezza assoluta e si riporta il contenuto fattuale di un pensiero: “sono confusa, un momento penso che lei ha ragione, il momento dopo sono sicura che ha torto.”
    “Penso che lei abbia ragione” è una forma più usata perché rispetta la reggenza, nel momento in cui il verbo “pensare” accompagna la formulazione di un’ipotesi.

Oltre a queste componenti interne al discorso, ci sono altri modi per affinare la tua capacità di concordare:

  • il più banale e… necessario: fai attenzione. Quando leggi, soffermati sulle forme composte e sulle concordanze. Quando parli, cerca di rispettarle quanto più possibile, non limitarti al comodo indicativo come fosse un passepartout! Il solo fatto di pensarci su ti affinerà l’orecchio e permetterà anche a chi ti sta intorno di crescere. Questo vale soprattutto se parli ai bambini: non semplificare, usa le forme verbali nel modo giusto e imparerete in due.
  • Poi: ripassa. Qui un ottimo riassunto della situazione che tiene conto anche delle eccezioni o dei casi particolari legati alle sfumature del discorso, come quella relativa all’intenzione, che prevede l’uso del trapassato congiuntivo:

    Andiamo! Ho creduto che tu avessi saputo come fare con il trapassato congiuntivo!
    Qui: Grammatica italiana: Correlazione o dipendenza dei tempi

  • Fai esercizio. Anche online, trovi moltissime pagine con esercizi pensati apposta per sviluppare la capacità di concordare i verbi. Eccone alcuni:

http://esercizi.clessidra.eu/concordanza_dei_tempi.html

http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=3283

http://www.imparolitaliano.com/Congiun/imper/11/Congim1.htm

E ora… coniuga:

Giulia ritiene che (anteriorità – verbo “spiegare”) _______________ bene la consecutio temporum.

Perciò, spera proprio che questo post ti (contemporaneità – verbo “essere”)_____________ d’aiuto.

Direbbe comunque che d’ora in poi tu (posteriorità – verbo “sapere”)____________ come concordare i verbi.

Coniuga anche:

Elena sapeva che un discorso sulla consecutio temporum (anteriorità – verbo “mancare”) _______________________ fino a quel momento.

Quindi disse a Giulia che nel blog (contemporaneità – verbo “servire”) __________________ un post sulla consecutio temporum .

Giulia si mise a scriverlo, sperando che Elena non le (posteriorità – verbo “rompere”)____________   più le scatole.

Le soluzioni sono nei commenti sotto. Buon esercizio! 🙂

Il post ti è piaciuto? Leggi anche:

One thought on “La concordanza dei tempi (o consecutio temporum) – Appunti di editing”

  1. Giulia A. ha detto:

    Ecco le soluzioni dell’esercizio:

    Giulia ritiene che ha spiegato bene la consecutio temporum.
    Perciò, spera proprio che questo post ti sia d’aiuto.
    Direbbe comunque che d’ora in poi saprai come concordare i verbi.

    Elena sapeva che un discorso sulla consecutio temporum era mancato fino a quel momento.
    Quindi disse a Giulia che nel blog serviva un post sulla consecutio temporum.
    Giulia si mise a scriverlo, sperando che Elena non le avrebbe rotto più le scatole.

    🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *